Autore Topic: FAQ: La Cura del Manto  (Letto 2483 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Golden Forum Staff

  • Moderatore
  • ***
  • Post: 12
FAQ: La Cura del Manto
« il: 11 Luglio 2016, 16:24:20 »
1) Com'è il pelo del Golden Retriever?
Lo standard FCI descrive il pelo del Golden Retriever come piatto o ondulato, con belle frange e un fitto sottopelo impermeabile.
La cute del Golden è ricoperta infatti da due differenti “strati”: uno superficiale con peli lunghi, fini e morbidi e uno sottostante molto più fitto, corto, lanoso e impermeabile con funzione "isolante".
Spesso il manto del Golden viene definito “autopulente” per la sua capacità di eliminare con facilità lo sporco secco eventualmente attaccatosi.
Anche il pelo del Golden è soggetto a ricambio stagionale ( muta) che nei nostri climi avviene un paio di volte all'anno: in primavera e in autunno.
In estate infatti, il folto sottopelo tende a diradarsi per essere sostituito e rinfoltito per l'inverno.
La muta tenderà sicuramente ad essere più marcata e intensa per i cani che vivono all'aperto poiché risentono maggiormente
dei cambiamenti climatici ( temperatura e foto-esposizione).
Per i cani che vivono invece in appartamento, quindi soggetti a minori sbalzi di temperatura e fotoperiodo ( numero delle ore di luce in una giornata), l'entità della muta sarà sicuramente inferiore ma di maggiore durata ( la perdita del pelo sarà minore ma costante per tutto l'anno).
 
2) Come possiamo mantenere un manto bello, pulito e sano?
-SPAZZOLANDOLO
Innanzitutto con regolari spazzolature da intensificare durante i periodi di muta.
L’azione della spazzolatura ha molteplici funzioni:
-pettinare, districare il pelo evitando la formazioni di nodi
-asportare il pelo ormai morto accelerandone la ricrescita
-eliminare lo sporco secco - eventualmente presente - donando lucentezza al manto
-controllare ( usando vista e tatto) la sua cute per rilevare precocemente segni e sintomi di malattie dermatologiche (vedi eczemi, ulcere, desquamazioni etc.), di piccole ferite, punture d'insetti o la presenza di eventuali parassiti ( pulci e zecche) e/o corpi estranei (vedi forasacchi etc. etc.).
 
- Quali tipi di spazzole sono indicate e come si utilizzano?
La spazzola più consigliata è il semplice cardatore morbido ovvero una spazzola con un'area rettangolare provvista di tanti dentini metallici sottili, ravvicinati - a volte ricurvi - in grado di districare con cura il mantello rimuovendo con facilità i peli ormai morti.
In commercio possiamo trovare cardatori di varie dimensioni adatti quindi sia a un cucciolo che a un Golden adulto.
Esempio di cardatore: http://recommerce.recordit.com/images/5690-cardatore.jpg
 
E' molto importante spazzolare il cane seguendo sempre la direzione del pelo: ad esempio partendo dalla testa per arrivare alla base della coda, o dalla spalle verso le zampe anteriori o dalla natica verso le zampe posteriori, o dal collo verso il petto e così via.
Il cardatore dovrà scorrere parallelo alla cute senza esercitare eccessiva pressione soprattutto nelle aree più delicate e/o prive di pelo (vedi l'addome, la zona perigenitale, il muso etc. ).
 
In cani adulti con folto sottopelo durante i periodi di muta, può rivelarsi utile anche la spazzola tipo "Furminator", provvista di dentellatura molto fine in acciaio con micro dentini ravvicinati.
Questa spazzola è in grado infatti di rimuovere con facilità grosse quantità di sottopelo morto ancora presente sul manto.
E' comunque preferibile utilizzarla alternandola con il normale cardatore. Se ne sconsiglia l'uso nei cuccioli o in cani senza ricco sottopelo.
 
Il normale pettine è invece importante in caso di toelettatura poiché allinea bene il pelo prima del taglio.
 
-Si può spazzolare un cucciolo?
Assolutamente sì, anche perché un buon Allevatore avrà già abituato il piccolo a questa importante attività.
Il posizionare il puppy in posizione sopraelevata ( tavolino in sicurezza) può facilitare maggiormente l'operazione.
La spazzola più indicata è il piccolo cardatore morbido.
 
-Il mio golden adulto non ama farsi spazzolare, cosa posso fare?
In questi casi è preferibile dedicarsi a questa operazione dopo i momenti di attività fisica (vedi passeggiata o i giochi con gli amici), approfittando quindi di un suo momento di relax.
 
-LAVANDOLO
I cani in generale non hanno bisogno di bagni schiumogeni troppo frequenti poiché l'azione combinata di acqua e detergente potrebbe irritare la cute rimuovendo il leggero film lipidico che la ricopre. Molti veterinari consigliano quindi di non superare i 3-4 bagni all'anno.
Il bagno si rivela fondamentale per rimuovere sporco e odori sgradevoli dal manto.
E' importante utilizzare degli ottimi prodotti specifici ( shampoo per cani) evitando detergenti ad uso umano non idonei alla sua cute.
Si ricorda sempre di controllare la temperatura dell'acqua regolandosi anche con la temperatura ambiente esterna ( in inverno è preferibile leggermente calda, in estate più fresca).
Durante il lavaggio è necessario prestare attenzione al muso del cane per evitare di far entrare acqua saponosa nelle orecchie e negli occhi.
Il risciacquo deve essere meticoloso per rimuovere completamente il detergente.
Nelle stagioni calde, dopo aver avvolto il cane in un asciugamano o in un telo in microfibra per assorbire la maggior quantità di acqua, una piacevole camminata sotto il sole potrà terminare l'asciugatura del manto, invece nelle stagioni fredde e umide è consigliato proseguire nell'asciugatura utilizzando preferibilmente un soffiatore ( uno strumento che veicolando aria tiepida a forte pressione è in grado di asciugare perfettamente e in pochissimo tempo il folto sottopelo del nostro cane).
In alternativa, avendo a disposizione un normale phon è preferibile selezionare la potenza più bassa ( che riduce temperatura e rumore), allungando quindi i tempi.
 
-Dove possiamo effettuare il bagno al nostro Golden?
E' possibile lavare il cane sia a domicilio ( casa, giardino, terrazzo) che in centri specializzati in toelettatura.
Attualmente sono molto diffusi anche i lavaggi per cani self-service ( Wash-dog), centri che mettono a disposizione le attrezzature più moderne per lavare e asciugare in breve tempo e con ottimi risultati il nostro cane.
Se si sceglie di lavare il cane in casa ( vasca o doccia) si dovrà fare attenzione agli scarichi delle tubature per evitare che si ostruiscano con le grandi quantità di pelo perso.
 
-TOELETTANDOLO
Ovvero tagliando e rifinendo accuratamente il suo pelo.
Poiché la toelettatura del Golden Retriever è un argomento ampio che comprende sia quella igienica che da Expo, questo argomento sarà trattato specificatamente in un'altra FAQ.
 
3) Quali altri prodotti sono consigliati per la pulizia del manto?
Quando per i più svariati motivi non è possibile eseguire un bagno completo, il manto del Golden può essere pulito ( e soprattutto profumato) a "secco" con shampoo e spume specifiche ( vedi Leniderm®), o essere frizionato con soluzioni di acqua e aceto ( meglio bianco) nella proporzione di un bicchiere di aceto sciolto in 5 litri di acqua.
 
4) A che età è consigliato eseguire il primo "bagnetto saponoso"?
Se non subentrano cause di forza maggiore si consiglia di aspettare almeno la fine dei cicli vaccinali quindi intorno ai 3 mesi e mezzo - 4. Nel frattempo per pulire il manto del piccolo è consigliato l'utilizzo di spume delicate ( vedi Leniderm®).
 
5) Come è possibile rendere il pelo più morbido e lucido?
E' possibile rendere più morbido e lucido il manto dei Golden somministrando prodotti ricchi di grassi polinsaturi Omega 3, Omega 6; la fonte più ricca di acido alfa-linolenico è l’olio di lino (57% omega-3, 15% omega-6).
Si consiglia di acquistarlo in piccole confezioni poiché è un olio facilmente deperibile ( è sensibile a luce, calore e aria). Una volta aperto va conservato in frigorifero e consumato entro 8 settimane.
Non deve mai essere esposto al calore diretto quindi non può essere usato per cucinare.
La dose consigliata è quella di un cucchiaino da tè da mischiare alla pappa una volta al giorno.
In alternativa è possibile usare il normale olio di girasole, sempre un cucchiaino una volta al giorno nella pappa. Durante l'estate è meglio non eccedere con l'uso di olio per non provocare disturbi intestinali (dissenteria), ma in qualunque momento dovessero verificarsi questi disturbi chiaramente s'interromperà l'uso dell'olio.
 
6) Com'è possibile velocizzare il periodo della muta?
Per velocizzare la muta può essere utile somministrare per tutto il periodo del lievito di birra ( ricco in biotina) fresco ( panetto da 25 grammi) o in pastiglie.
La dose consigliata per il lievito di birra fresco è di mezzo panetto al giorno leggermente sbriciolato e magari mischiato alla sua pappa per ridurre l'effetto "impastamento" della bocca.
Per le pastiglie, che si trovano tranquillamente nei supermercati, la dose è di 4/5 pastigliette al giorno per circa una settimana.
 
7) Quali accortezze sono necessarie dopo un bagno in mare per non danneggiare il manto?
E' importante eliminare bene le tracce di sale e sabbia depositate sul pelo, quindi è consigliato fare un accurato risciacquo del manto con acqua dolce.