Autore Topic: Quanto è libera per un privato la scelta del cucciolo?  (Letto 14906 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline dream83

  • Utente del Forum
  • **
  • Post: 27
Quanto è libera per un privato la scelta del cucciolo?
« il: 13 Settembre 2008, 13:18:20 »
Cari goldenisti e in particolare cari allevatori di golden,

ammesso che in una cucciolata buona nascono buoni cani (è sempre così???), è vero che l'allevatore si tiene spesso i migliori esemplari, oppure il cucciolo è possibile sceglierselo?

La crudeltà verso gli animali equivale a non amare Dio. (John Henry Newman)

yvlohorse

  • Visitatore
Re: Quanto è libera per un privato la scelta del cucciolo?
« Risposta #1 il: 13 Settembre 2008, 14:09:57 »
Dipende dall'allevatore.

A volte deve tenere un cucciolo per se o affidarlo e in questo caso la prima scelta ovviamente è la sua.

Di solito cmq un allevatore ti propone i cuccioli che ritiene più adatti alle tue esigenze e ti fa scegliere tra quelli.

Quello che penso sia meglio fare è scegliere il proprio cucciolo intorno ai 50 gg quando il carattere già comincia a venir fuori e anche la morfologia.

Non è sempre vero che da una buona cucciolata nascono buoni cani  ;).  LA genetica fa strani scherzi.

Offline ClaireandNiso

  • Utente Bronzo
  • ****
  • Post: 165
Re: Quanto è libera per un privato la scelta del cucciolo?
« Risposta #2 il: 13 Settembre 2008, 14:19:30 »
Io non sono un'allevatrice ma avendo scelto niso in un allevamento, posso scriverti la mia esperienza.
Quando sono andata la prima volta a conoscere l'allevatore e i cani, ho visto tutti i piccoli insieme e sinceramente non mi sono posta il problema di quale scegliere, mi sono presa qualche settimana per pensari e, nel frattempo, molti piccoli hanno trovato casa. Quando giunse il giorno dell'adozione di niso erano rimasti tre cuccioli, tutti maschi, e l'allevatore e l'educatrice cinofila mi hanno consigliato, per via del mio stile di vita e di ciò che mi sarebbe piaciuto fare con il cane (sono operatrice di pet therapy), di scegliere tra due. Solo a scelta fatta mi hanno confessato che avevo adottato il cane che avrebbero voluto tenersi loro!! E la cosa non mi stupisce molto: loro avevano già sufficiente esperienza per sapere che grande cane sarebbe venuto fuori: carattere splendido, morfologia perfetta (denti storti a parte!!) e esenzione da malattie (completamente esente dalle displasie).
claire

Offline dream83

  • Utente del Forum
  • **
  • Post: 27
Re: Quanto è libera per un privato la scelta del cucciolo?
« Risposta #3 il: 13 Settembre 2008, 14:37:00 »
Io non so se sarò in grado di scegliere "bene" come hai fatto tu...


Io non sono un'allevatrice ma avendo scelto niso in un allevamento, posso scriverti la mia esperienza.
Quando sono andata la prima volta a conoscere l'allevatore e i cani, ho visto tutti i piccoli insieme e sinceramente non mi sono posta il problema di quale scegliere, mi sono presa qualche settimana per pensari e, nel frattempo, molti piccoli hanno trovato casa. Quando giunse il giorno dell'adozione di niso erano rimasti tre cuccioli, tutti maschi, e l'allevatore e l'educatrice cinofila mi hanno consigliato, per via del mio stile di vita e di ciò che mi sarebbe piaciuto fare con il cane (sono operatrice di pet therapy), di scegliere tra due. Solo a scelta fatta mi hanno confessato che avevo adottato il cane che avrebbero voluto tenersi loro!! E la cosa non mi stupisce molto: loro avevano già sufficiente esperienza per sapere che grande cane sarebbe venuto fuori: carattere splendido, morfologia perfetta (denti storti a parte!!) e esenzione da malattie (completamente esente dalle displasie).
claire
La crudeltà verso gli animali equivale a non amare Dio. (John Henry Newman)

Offline Tiziana

  • Allevamento GoldenMania
  • Administrator
  • *****
  • Post: 8.960
    • Allevamento GoldenMania
Re: Quanto è libera per un privato la scelta del cucciolo?
« Risposta #4 il: 13 Settembre 2008, 14:57:30 »
Ciao, io, insieme alla mia famiglia, alleviamo golden, per quanto riguarda la scelta del cucciolo da noi funziona così:

Premettiamo che in una cucciolata, nata dall'accoppiamento di esemplari controllati per le principali malattie ereditarie, e risultati chiaramente esenti, ci possono essere cuccioli splendidi, cuccioli belli, cuccioli adorabili, ma quasi mai una cucciolata è in toto da ritenersi perfetta da "expo", per intenderci, cuccioli che a 60 gg. fanno intravedere quelle che sono le caratteristiche che potrebbero farne un magnifico esemplare per costruzione fisica, e carattere.

E teniamo presente che ho detto "potrebbero" proprio perchè i cuccioli crescono e cambiano, un occhio esperto può sicuramente intravedere quelle che sono le caratteristiche future...ma la natura farà il suo corso, e solo più avanti si vedranno i risultati. Detto questo se in quella cucciolata c'è un esemplare particolarmente interessante, solitamente l'allevatore o lo tiene per se, o se ha trovato delle persone adatte, può pensare di dare il cucciolo in affido
Questo perchè chiaramente in allevamento si cerca di far riprodurre gli esemplari che più rispecchiamo le caratteristiche della razza.

Per quanto riguarda la scelta da parte di privati, noi ci comportiamo così, a 50 gg. effettuaimo i test comportamentali ai cuccioli, per evidenziare pregi e difetti del loro carattere, i test vengono fatti da persone esterne all'allevamento, proprio perchè i cuccioli conoscono molto bene noi e le reazioni sarebbero sfalsate.
Questo ci chiarisce sul cucciolo più estroverso, su quello più attaccabrighe, quello più dominante, quello più sottomesso o il pauroso, chiaramente negli ultimi giorni in cui i cuccioli rimarrano con noi, si cercherà di stemperare quelli che sono i difetti riscontrati, la paura o viceversa la dominanza.

Chiaramente a questa età i cuccioli hanno già tutti un futuro compagno umano, e se non ci sono richieste particolari, tipo bimbi molto piccoli, anziani in famiglia, portatori di handicap, ai quali cerchiamo di far combaciare il cucciolo con il carattere più idoneo alla situazione, diciamo che i piccoli vengono assegnati in base allo stile di vita dei futuri compagni, a quelli iperattivi andrà sicuramente un cucciolo più attivo, in grado di seguirlo scodinzolando nelle loro scorribande; a chi ama leggere il giornale in poltrona o è impossibilitato a grandi camminate, si cercherà di accoppiare un cucciolo tranquillo e meno irrequieto.

Insomma diciamo che il cucciolo deve ben integrarsi con il carattere degli umani per far si che la convivenza sia allegra e piacevole, e direi che fin'ora i compagni dei nostri cuccioli sono felicissimi delle accoppiate fatte.

Certo cerchiamo anche di tenere conto di quell'empatia che si sviluppa tra cuccioli e umani nelle svariate visite che i futuri proprietari fanno nell'arco dei 60 giorni, e questa è una cosa che consiglio sempre a tutti quelli che vogliono prendere un cucciolo, andate il più possibile a vedere la cucciolata, giocate con i cuccioli, insomma fatevi conoscere e conoscete i piccoli, abbiamo constatato che così facendo, i piccoli sono molto meno traumatizzati dal distacco dalla mamma e dai fratellini perchè, le persone con le quali vanno via, non sono dei perfetti sconosciuti.

A presto

Offline dream83

  • Utente del Forum
  • **
  • Post: 27
Re: Quanto è libera per un privato la scelta del cucciolo?
« Risposta #5 il: 14 Settembre 2008, 09:25:08 »
Tiziana, grazie per l'interessantissima risposta... Il mio sogno è poter vivere con un bel golden color oro puro al 100 per cento... Ci credo in questo e spero che quando sarà riuscirò a scegliere bene, con l'aiuto magari di un bravo allevatore...
Nicola

Ciao, io, insieme alla mia famiglia, alleviamo golden, per quanto riguarda la scelta del cucciolo da noi funziona così:

Premettiamo che in una cucciolata, nata dall'accoppiamento di esemplari controllati per le principali malattie ereditarie, e risultati chiaramente esenti, ci possono essere cuccioli splendidi, cuccioli belli, cuccioli adorabili, ma quasi mai una cucciolata è in toto da ritenersi perfetta da "expo", per intenderci, cuccioli che a 60 gg. fanno intravedere quelle che sono le caratteristiche che potrebbero farne un magnifico esemplare per costruzione fisica, e carattere.

E teniamo presente che ho detto "potrebbero" proprio perchè i cuccioli crescono e cambiano, un occhio esperto può sicuramente intravedere quelle che sono le caratteristiche future...ma la natura farà il suo corso, e solo più avanti si vedranno i risultati. Detto questo se in quella cucciolata c'è un esemplare particolarmente interessante, solitamente l'allevatore o lo tiene per se, o se ha trovato delle persone adatte, può pensare di dare il cucciolo in affido
Questo perchè chiaramente in allevamento si cerca di far riprodurre gli esemplari che più rispecchiamo le caratteristiche della razza.

Per quanto riguarda la scelta da parte di privati, noi ci comportiamo così, a 50 gg. effettuaimo i test comportamentali ai cuccioli, per evidenziare pregi e difetti del loro carattere, i test vengono fatti da persone esterne all'allevamento, proprio perchè i cuccioli conoscono molto bene noi e le reazioni sarebbero sfalsate.
Questo ci chiarisce sul cucciolo più estroverso, su quello più attaccabrighe, quello più dominante, quello più sottomesso o il pauroso, chiaramente negli ultimi giorni in cui i cuccioli rimarrano con noi, si cercherà di stemperare quelli che sono i difetti riscontrati, la paura o viceversa la dominanza.

Chiaramente a questa età i cuccioli hanno già tutti un futuro compagno umano, e se non ci sono richieste particolari, tipo bimbi molto piccoli, anziani in famiglia, portatori di handicap, ai quali cerchiamo di far combaciare il cucciolo con il carattere più idoneo alla situazione, diciamo che i piccoli vengono assegnati in base allo stile di vita dei futuri compagni, a quelli iperattivi andrà sicuramente un cucciolo più attivo, in grado di seguirlo scodinzolando nelle loro scorribande; a chi ama leggere il giornale in poltrona o è impossibilitato a grandi camminate, si cercherà di accoppiare un cucciolo tranquillo e meno irrequieto.

Insomma diciamo che il cucciolo deve ben integrarsi con il carattere degli umani per far si che la convivenza sia allegra e piacevole, e direi che fin'ora i compagni dei nostri cuccioli sono felicissimi delle accoppiate fatte.

Certo cerchiamo anche di tenere conto di quell'empatia che si sviluppa tra cuccioli e umani nelle svariate visite che i futuri proprietari fanno nell'arco dei 60 giorni, e questa è una cosa che consiglio sempre a tutti quelli che vogliono prendere un cucciolo, andate il più possibile a vedere la cucciolata, giocate con i cuccioli, insomma fatevi conoscere e conoscete i piccoli, abbiamo constatato che così facendo, i piccoli sono molto meno traumatizzati dal distacco dalla mamma e dai fratellini perchè, le persone con le quali vanno via, non sono dei perfetti sconosciuti.

A presto
La crudeltà verso gli animali equivale a non amare Dio. (John Henry Newman)

GoldenRetrieversMyLove

  • Visitatore
Re: Quanto è libera per un privato la scelta del cucciolo?
« Risposta #6 il: 04 Febbraio 2009, 15:25:04 »
Io non sono un'allevatrice ma avendo scelto niso in un allevamento, posso scriverti la mia esperienza.
Quando sono andata la prima volta a conoscere l'allevatore e i cani, ho visto tutti i piccoli insieme e sinceramente non mi sono posta il problema di quale scegliere, mi sono presa qualche settimana per pensari e, nel frattempo, molti piccoli hanno trovato casa. Quando giunse il giorno dell'adozione di niso erano rimasti tre cuccioli, tutti maschi, e l'allevatore e l'educatrice cinofila mi hanno consigliato, per via del mio stile di vita e di ciò che mi sarebbe piaciuto fare con il cane (sono operatrice di pet therapy), di scegliere tra due. Solo a scelta fatta mi hanno confessato che avevo adottato il cane che avrebbero voluto tenersi loro!! E la cosa non mi stupisce molto: loro avevano già sufficiente esperienza per sapere che grande cane sarebbe venuto fuori: carattere splendido, morfologia perfetta (denti storti a parte!!) e esenzione da malattie (completamente esente dalle displasie).
claire

Ciao!
Complimenti per Niso, sembra proprio un bel cane.
In che allevamento lo hai preso? il suo muso  mi ricorda alcuni dei cani dell'allevamento con il quale collaboro...
Anche io mi occupo di Pet Therapy ed è davvero un'attività che mi appassiona molto.
Ciao  em_007

Offline paolina

  • Utente Oro
  • ******
  • Post: 2.995
  • L’essenziale è invisibile agli occhi
Re: Quanto è libera per un privato la scelta del cucciolo?
« Risposta #7 il: 05 Febbraio 2009, 10:24:04 »
Lo so ke mi ripeterò ma leggendo cosa dovrebbe fare 1 allevatore serio prima di consegnare 1 cucciolo ad 1 famiglia o ad 1 persona, mi rendo semx + conto ke la scelta del'allevamento in cui ho preso Maggie è stata, PURTROPPO, sbagliata su tutti i punti di vista e anke affrettata (qllo x fortuna NON a causa mia ke avevo avvisato l'allevatore ke nn avevo fretta, ma lui ci ha lusingato col discorso dell'ultima di 1 cucciolata xfetta, da prendere in fretta xkè altri la volevano!!!!!!!!!!!). L'ho gia detto, ma l'unica cosa x cui esergli grata è di avere avuto Maggie. Certamente xò nn si è interexato sulle mie abitudini e della mia famiglia x darmi il cucciolo + adatto alle ns esigenze, potrei avere anke il dubbio ke vengano da lui fatti dei test comportamentali; certamente nn ho potuto vedere + ke 1 sola volta e in fretta i cuccioli, ma Maggie nn so se era tra qlli o meno!!!!!!!!!!(lui ha asserito ke nn sarebbe permesso vedere icuccioli prima di acquistarli). Sono andata qualke altra volta a chiedere informazioni, dopo aver dato l'acconto di prenotazione, ma mi liquidavano in fretta semx e ancor meno potevo vederla. Altrokè poter giocare con i cuccioli, farci conoscere e conoscere loro, come sostieni  tu, Tiziana e certamente fai!!!!!!!!Io ho visto Maggie la prima volta quando me l'hanno consegnata al pagamento finale x portarla via.  em_028Forse in un allevamento grande hanno altre esigenze e tutto questo nn è poxibile(????????????????)o no?So solo ke questo x me è 1 dolore xkè mi accorgo ke con la mia inesperienza mi sono fatta imbrogliare,  em_015..........ma lo racconto volentieri nel Forum xkè nn accada ad altri.  em_005paola
Ciao, io, insieme alla mia famiglia, alleviamo golden, per quanto riguarda la scelta del cucciolo da noi funziona così:

Premettiamo che in una cucciolata, nata dall'accoppiamento di esemplari controllati per le principali malattie ereditarie, e risultati chiaramente esenti, ci possono essere cuccioli splendidi, cuccioli belli, cuccioli adorabili, ma quasi mai una cucciolata è in toto da ritenersi perfetta da "expo", per intenderci, cuccioli che a 60 gg. fanno intravedere quelle che sono le caratteristiche che potrebbero farne un magnifico esemplare per costruzione fisica, e carattere.

E teniamo presente che ho detto "potrebbero" proprio perchè i cuccioli crescono e cambiano, un occhio esperto può sicuramente intravedere quelle che sono le caratteristiche future...ma la natura farà il suo corso, e solo più avanti si vedranno i risultati. Detto questo se in quella cucciolata c'è un esemplare particolarmente interessante, solitamente l'allevatore o lo tiene per se, o se ha trovato delle persone adatte, può pensare di dare il cucciolo in affido
Questo perchè chiaramente in allevamento si cerca di far riprodurre gli esemplari che più rispecchiamo le caratteristiche della razza.

Per quanto riguarda la scelta da parte di privati, noi ci comportiamo così, a 50 gg. effettuaimo i test comportamentali ai cuccioli, per evidenziare pregi e difetti del loro carattere, i test vengono fatti da persone esterne all'allevamento, proprio perchè i cuccioli conoscono molto bene noi e le reazioni sarebbero sfalsate.
Questo ci chiarisce sul cucciolo più estroverso, su quello più attaccabrighe, quello più dominante, quello più sottomesso o il pauroso, chiaramente negli ultimi giorni in cui i cuccioli rimarrano con noi, si cercherà di stemperare quelli che sono i difetti riscontrati, la paura o viceversa la dominanza.

Chiaramente a questa età i cuccioli hanno già tutti un futuro compagno umano, e se non ci sono richieste particolari, tipo bimbi molto piccoli, anziani in famiglia, portatori di handicap, ai quali cerchiamo di far combaciare il cucciolo con il carattere più idoneo alla situazione, diciamo che i piccoli vengono assegnati in base allo stile di vita dei futuri compagni, a quelli iperattivi andrà sicuramente un cucciolo più attivo, in grado di seguirlo scodinzolando nelle loro scorribande; a chi ama leggere il giornale in poltrona o è impossibilitato a grandi camminate, si cercherà di accoppiare un cucciolo tranquillo e meno irrequieto.

Insomma diciamo che il cucciolo deve ben integrarsi con il carattere degli umani per far si che la convivenza sia allegra e piacevole, e direi che fin'ora i compagni dei nostri cuccioli sono felicissimi delle accoppiate fatte.

Certo cerchiamo anche di tenere conto di quell'empatia che si sviluppa tra cuccioli e umani nelle svariate visite che i futuri proprietari fanno nell'arco dei 60 giorni, e questa è una cosa che consiglio sempre a tutti quelli che vogliono prendere un cucciolo, andate il più possibile a vedere la cucciolata, giocate con i cuccioli, insomma fatevi conoscere e conoscete i piccoli, abbiamo constatato che così facendo, i piccoli sono molto meno traumatizzati dal distacco dalla mamma e dai fratellini perchè, le persone con le quali vanno via, non sono dei perfetti sconosciuti.

A presto
Paolina
Un cane è PER SEMPRE

Offline ClaireandNiso

  • Utente Bronzo
  • ****
  • Post: 165
Re: Quanto è libera per un privato la scelta del cucciolo?
« Risposta #8 il: 05 Febbraio 2009, 17:14:59 »
Ciao!
Complimenti per Niso, sembra proprio un bel cane.
In che allevamento lo hai preso? il suo muso  mi ricorda alcuni dei cani dell'allevamento con il quale collaboro...
Anche io mi occupo di Pet Therapy ed è davvero un'attività che mi appassiona molto.
Ciao  em_007

Niso proviene dall'allevamento del chiaro di luna, di maurizio dionigi. Il padre invece è dell'allevamento marybel di maria del mar viggianiello.
Tu con quale allevatore collabori? Dove lavori in ambito della pet therapy? Io vicino a Rimini. Attualmente poi con niso sto frequentando il II livello del corso educatori cinofili della siua a bologna, dove impariamo un sacco di cose insieme!
Claire
www.amicicani.it.gg

GoldenRetrieversMyLove

  • Visitatore
Re: Quanto è libera per un privato la scelta del cucciolo?
« Risposta #9 il: 05 Febbraio 2009, 18:47:50 »
Ne ero certa!!! io collaboro proprio li !!!
Il papà chi è Gamble in a Tris (Lupin?) ?
La mamma Kukkola Deep Diving (Deepy)?
Qual'è il nome di pedigree di Niso?
Io lavoro con Maurizio, e ci occupiamo di progetti insieme.
Attualmente con una ragazzina disabile, in una casa di riposo e con un'altra ragazzina con problemi psichiatrici.
Ho ancora tante cose da imparare, ma sono molto entusiasta.
Mi sono laureata a Novembre, dott. in educazione professionale in ambito sanitario, anche per conciliare la professione con la mia passione!
Io sono Educatore APNEC (l'associazione di cui Maurizio è Presidente) e Tecnico di Pet Therapy Libertas.
Faccio tantissime altre cose con i cani miei e non solo e mi diverto molto!!!

a presto!

 em_007

GoldenRetrieversMyLove

  • Visitatore
Re: Quanto è libera per un privato la scelta del cucciolo?
« Risposta #10 il: 05 Febbraio 2009, 18:50:26 »
AH no è figlio di Donna Selvaggia Niso!!!!  ora ho capito!!!

GoldenRetrieversMyLove

  • Visitatore
Re: Quanto è libera per un privato la scelta del cucciolo?
« Risposta #11 il: 05 Febbraio 2009, 18:54:49 »
Anche la piccola Terra è figlia di Donna Selvaggia... per cui sono fratellastri ! :-) ! Come è piccolo il Mondo !!!
(Terra è un cane dell'allevamento ma a cui sono molto legata e con cui lavoro in Retrievers e le faccio da Handler in expò !

Offline elisavalli

  • Utente Oro
  • ******
  • Post: 4.479
Re: Quanto è libera per un privato la scelta del cucciolo?
« Risposta #12 il: 05 Febbraio 2009, 19:18:24 »
Lo so ke mi ripeterò ma leggendo cosa dovrebbe fare 1 allevatore serio prima di consegnare 1 cucciolo ad 1 famiglia o ad 1 persona, mi rendo semx + conto ke la scelta del'allevamento in cui ho preso Maggie è stata, PURTROPPO, sbagliata su tutti i punti di vista e anke affrettata (qllo x fortuna NON a causa mia ke avevo avvisato l'allevatore ke nn avevo fretta, ma lui ci ha lusingato col discorso dell'ultima di 1 cucciolata xfetta, da prendere in fretta xkè altri la volevano!!!!!!!!!!!). L'ho gia detto, ma l'unica cosa x cui esergli grata è di avere avuto Maggie. Certamente xò nn si è interexato sulle mie abitudini e della mia famiglia x darmi il cucciolo + adatto alle ns esigenze, potrei avere anke il dubbio ke vengano da lui fatti dei test comportamentali; certamente nn ho potuto vedere + ke 1 sola volta e in fretta i cuccioli, ma Maggie nn so se era tra qlli o meno!!!!!!!!!!(lui ha asserito ke nn sarebbe permesso vedere icuccioli prima di acquistarli). Sono andata qualke altra volta a chiedere informazioni, dopo aver dato l'acconto di prenotazione, ma mi liquidavano in fretta semx e ancor meno potevo vederla. Altrokè poter giocare con i cuccioli, farci conoscere e conoscere loro, come sostieni  tu, Tiziana e certamente fai!!!!!!!!Io ho visto Maggie la prima volta quando me l'hanno consegnata al pagamento finale x portarla via.  em_028Forse in un allevamento grande hanno altre esigenze e tutto questo nn è poxibile(????????????????)o no?So solo ke questo x me è 1 dolore xkè mi accorgo ke con la mia inesperienza mi sono fatta imbrogliare,  em_015..........ma lo racconto volentieri nel Forum xkè nn accada ad altri.  em_005paola

Paola non colpevolizzarti, purtroppo non è sempre facile informarsi a dovere e scegliere con cognizione di causa.
Io ho preso la mia Shy dall'allevamento Legrenzi (BG). Era il 1996, io avevo 16 anni, leggevo Qua la Zampa da una vita e sognavo un cane da sempre. Sapevo solo che non bisognava comprare i cani nei negozi. Sfogliando le riviste di cani vedevo le locandine pubblicitarie degli allevamenti e non coglievo la differenza tra la pubblicità tra un allevamento e l'altro. E così siamo finiti io e mia mamma, ancora più sprovveduta di me, a visitare quel capannone. Per carità, i cuccioli erano sani, ben nutriti, correttamente vaccinati, svezzati a Purina, ceduti solo al compimento dei 60 gg....quindi niente da dire sull'aspetto igienico-sanitario-gestionale. Sicuramente era ed è un allevamento perfettamente a norma di legge, i cui cani fanno "vita di canile" ma non si può dire che siano mal tenuti. Ma non era niente di diverso da una fattoria, solo che invece che allevare vitelli, allevava cani. Nessuno ci ha parlato di malattie genetiche, di selezione della razza morfologica e caratteriale, di test di Campbell o di personalità del cucciolo ecc. Tantomeno nessuno ci ha chiesto che tipo di vita avremmo potuto offrire al cane, anzi alla prima visita ci hanno lasciati soli con un cucciolo in braccio, confidando nell'innamoramento istantaneo dovuto all'effetto "essere morbidoso tra le braccia". Insomma, un'industria per vendere. Ovviamente questa è la mia opinione e risale a un'esperienza di 12 anni fa, magari le cose nel frattempo sono anche cambiate, chissà...
Noi siamo stati mooooolto fortunati con Shy, che aveva una salute di ferro e anche perfette. Non sapevamo niente di displasia e nel primo anno di vita l'abbiamo strapazzata in maniera orribile, certi salti, certe corse dietro alla bicicletta...doveva essere geneticamente molto forte per reggere un trattamento del genere senza sbriciolarsi le articolazioni.
Tutta questa pappardella per dirti che tutti possiamo sbagliare, nessuno nasce imparato :) tanto, mica vogliamo meno bene ai nostri cani perchè arrivano da un allevamento così, no?
L'importante è che ci serva per imparare e per evolverci  ;)
« Ultima modifica: 24 Settembre 2009, 12:35:35 da kaffa »

Offline Simo

  • Utente Bronzo
  • ****
  • Post: 389
Re: Quanto è libera per un privato la scelta del cucciolo?
« Risposta #13 il: 05 Febbraio 2009, 22:08:30 »
Lo so ke mi ripeterò ma leggendo cosa dovrebbe fare 1 allevatore serio prima di consegnare 1 cucciolo ad 1 famiglia o ad 1 persona, mi rendo semx + conto ke la scelta del'allevamento in cui ho preso Maggie è stata, PURTROPPO, sbagliata su tutti i punti di vista e anke affrettata (qllo x fortuna NON a causa mia ke avevo avvisato l'allevatore ke nn avevo fretta, ma lui ci ha lusingato col discorso dell'ultima di 1 cucciolata xfetta, da prendere in fretta xkè altri la volevano!!!!!!!!!!!). L'ho gia detto, ma l'unica cosa x cui esergli grata è di avere avuto Maggie. Certamente xò nn si è interexato sulle mie abitudini e della mia famiglia x darmi il cucciolo + adatto alle ns esigenze, potrei avere anke il dubbio ke vengano da lui fatti dei test comportamentali; certamente nn ho potuto vedere + ke 1 sola volta e in fretta i cuccioli, ma Maggie nn so se era tra qlli o meno!!!!!!!!!!(lui ha asserito ke nn sarebbe permesso vedere icuccioli prima di acquistarli). Sono andata qualke altra volta a chiedere informazioni, dopo aver dato l'acconto di prenotazione, ma mi liquidavano in fretta semx e ancor meno potevo vederla. Altrokè poter giocare con i cuccioli, farci conoscere e conoscere loro, come sostieni  tu, Tiziana e certamente fai!!!!!!!!Io ho visto Maggie la prima volta quando me l'hanno consegnata al pagamento finale x portarla via.  em_028Forse in un allevamento grande hanno altre esigenze e tutto questo nn è poxibile(????????????????)o no?So solo ke questo x me è 1 dolore xkè mi accorgo ke con la mia inesperienza mi sono fatta imbrogliare,  em_015..........ma lo racconto volentieri nel Forum xkè nn accada ad altri.  em_005paola

No Paola fai bene a raccontare la tua esperienza perchè possa essere d'aiuto anche ad altri...perchè anche chi compra un cucciolo possa avere gli strumenti necessari per capire a chi affidarsi e dare i propri soldi, che se spesi male finiscono nelle tasche di persone sbagliate e alimentare un tipo di allevamento che con l'allevamento fatto per bene non ha nulla a che vedere. Quindi la responsabilità sta anche da parte di chi acquista e altri che si trovano a prendere un cucciolo adesso leggendo il tuo racconto magari hanno qualche elemento in più per fare una scelta oculata ;)

Offline ClaireandNiso

  • Utente Bronzo
  • ****
  • Post: 165
Re: Quanto è libera per un privato la scelta del cucciolo?
« Risposta #14 il: 05 Febbraio 2009, 22:29:06 »
Ne ero certa!!! io collaboro proprio li !!!
Il papà chi è Gamble in a Tris (Lupin?) ?
La mamma Kukkola Deep Diving (Deepy)?
Qual'è il nome di pedigree di Niso?
Io lavoro con Maurizio, e ci occupiamo di progetti insieme.
Attualmente con una ragazzina disabile, in una casa di riposo e con un'altra ragazzina con problemi psichiatrici.
Ho ancora tante cose da imparare, ma sono molto entusiasta.
Mi sono laureata a Novembre, dott. in educazione professionale in ambito sanitario, anche per conciliare la professione con la mia passione!
Io sono Educatore APNEC (l'associazione di cui Maurizio è Presidente) e Tecnico di Pet Therapy Libertas.
Faccio tantissime altre cose con i cani miei e non solo e mi diverto molto!!!

a presto!

 em_007
Il papi di niso è Lio (fashion guy), la madre donna selvaggia. Il suo pedegree l'ho inserito in golden-data, lo puoi trovare facilmente, forse cercando il nome di Niso all'anagrafe che è "semplicemente bello del chiaro di luna".
Mi fa piacere che l'hai riconosciuto, e saluta tanto maurizio perchè da lui ho adottato davvero un gran cane! Mi aveva detto che avrebbe avuto ottime chance di diventare un bravo cane "sociale", cosa che in effetti si è verificata!

Spero di "leggerti" presto, mi puoi trovare anche su www.amicicani.it.gg
A presto!
Claire

 


Privacy Policy - Cookie Policy