Autore Topic: Mantrailing Trentino  (Letto 577 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Stefanoitaly62

  • Neo iscritto
  • *
  • Post: 5
Mantrailing Trentino
« il: 30 Dicembre 2018, 13:37:02 »
Il mantrailing (contrazione dei termini inglesi man "uomo" e trailing "inseguendo, tracciando") è la ricerca di persone tramite l'utilizzo di cani da utilità appositamente addestrati per sfruttare le loro sviluppatissime capacità olfattive. Un cane da mantrailing è addestrato per seguire la specifica traccia olfattiva di una singola persona, mentre un cane da ricerca segue tracce olfattive umane in genere. Ogni persona dissemina svariate migliaia di cellule epiteliali al minuto, queste sono accompagnate da altri residui, della sudorazione, della respirazione oppure di sostanze chimiche, ad esempio cosmetici o detergenti generando una traccia unica per ogni persona. Per avviare la ricerca serve un input olfattivo che può essere un oggetto personale della persona da ricercare ma anche la traccia lasciata all'interno di un luogo chiuso, ad esempio un veicolo, oppure in un punto di passaggio certo. Il cane da mantrailing segue la traccia anche in luoghi affollati, contesti urbani e può seguire anche tracce vecchie di qualche giorno. Le condizioni ambientali (vento, clima e temperatura) influenzano la qualità e la durata della traccia.

https://www.facebook.com/mantrailing.trentino.officialpage/
Ciao, vorrei invitarti a mettere un semplice "Mi piace" alla mia Pagina Facebook per premiare la nostra passione
« Ultima modifica: 30 Dicembre 2018, 14:29:52 da Stefanoitaly62 »

Online LaMaria

  • Life with Maebh
  • Utente Smeraldo
  • ********
  • Post: 12.799
Mantrailing Trentino
« Risposta #1 il: 30 Dicembre 2018, 15:13:38 »
Ciao, Stefano, vi seguo già sia su Facebook che su Instagram, tramite l’account delle unità cinofile Diade. Ciko è proprio bello. A che punto siete con il lavoro?
All’interno del Coordinamento Cinofilo Veneto c’è qualche gruppo che sta lavorando seriamente anche sul mantrailing, in particolare il gruppo di Cornuda (Elena ha appena preso un magnifico cucciolo di segugio bavarese).
I nostri superiori hanno delle reticenze a considerare utile l’intervento dei cani da mantrailing, non tanto per la mancanza di fiducia nel loro lavoro, quanto piuttosto a causa dei tempi piuttosto lunghi che intercorrono fra la scomparsa di una persona e l’effettiva entrata in opera delle unità cinofile di Protezione Civile. In linea di massima sarebbero favorevoli alla collaborazione fra UC da mantrailing (per esempio per tracciare un percorso a partire da un automobile parcheggiata o da un luogo sicuro di partenza del disperso) e UC da ricerca in superficie. Tuttavia, mentre le seconde lavorano a cono d’odore su una situazione che è quella presente, le prime lavorano su una pista che viene meno dopo un certo numero di ore, quindi, se i tempi di allertamento sono lunghi, rischiano di non avere alcuna efficacia. Questa la loro obiezione, riferita alla situazione operativa.
Qual è la vostra esperienza?

Offline Stefanoitaly62

  • Neo iscritto
  • *
  • Post: 5
Re:Mantrailing Trentino
« Risposta #2 il: 30 Dicembre 2018, 18:58:05 »
Ciao, Stefano, vi seguo già sia su Facebook che su Instagram, tramite l’account delle unità cinofile Diade. Ciko è proprio bello. A che punto siete con il lavoro?
All’interno del Coordinamento Cinofilo Veneto c’è qualche gruppo che sta lavorando seriamente anche sul mantrailing, in particolare il gruppo di Cornuda (Elena ha appena preso un magnifico cucciolo di segugio bavarese).
I nostri superiori hanno delle reticenze a considerare utile l’intervento dei cani da mantrailing, non tanto per la mancanza di fiducia nel loro lavoro, quanto piuttosto a causa dei tempi piuttosto lunghi che intercorrono fra la scomparsa di una persona e l’effettiva entrata in opera delle unità cinofile di Protezione Civile. In linea di massima sarebbero favorevoli alla collaborazione fra UC da mantrailing (per esempio per tracciare un percorso a partire da un automobile parcheggiata o da un luogo sicuro di partenza del disperso) e UC da ricerca in superficie. Tuttavia, mentre le seconde lavorano a cono d’odore su una situazione che è quella presente, le prime lavorano su una pista che viene meno dopo un certo numero di ore, quindi, se i tempi di allertamento sono lunghi, rischiano di non avere alcuna efficacia. Questa la loro obiezione, riferita alla situazione operativa.
Qual è la vostra esperienza?

Ciao Maria,
Per me il cane addestrato al mantrailing serve per indirizzare le altre unità cinofile (superficie) in una direzione (quasi sempre giusta) anziché inviare i cani senza avere un minimo di certezza.
Per quanto riguarda i tempi possono rilevare tracce umane nell’arco di 24/48 ore specialmente in ambiente boschivo. E’ più facile per il cane seguire una traccia invecchiata anziché fresca, poiché le molecole hanno il tempo di depositarsi sul terreno mentre per quanto riguarda le tracce fresche le molecole sono ancora disperse in aria a mezz’altezza.
Solitamente l’attivazione dei soccorsi per le ricerche di un disperso avviene nelle prime 12 ore dalla segnalazione, anche orale, da parte dei familiari dello scomparso per cui il tempo trascorso sarebbe congruo per la ricerca.
Per Ciko il mantrailing è un gioco, perché ogni qualvolta che trova il figurante riceve la sua porzione di wurstel ed è felice. L’importante è che il cane sia motivato a fare questo.
Le prove dell’input olfattivo prelevato dall’interno di un veicolo è stato fatto con risultati ottimi ed anche lo N.S.I. (No Scent Identification).
Quest’ultimo  sarebbe molto utile nella ricerca perché il cane ti segnala “il negativo”, praticamente il cane ti segnala che l’odore che gli hai fatto annusare non è presente in quel luogo.
Ho fatto qualche stage con alcuni istruttori e mi hanno detto che Ciko potrebbe essere subito operativo ma al momento non sono iscritto a nessuna associazione.
Mantrailing Trentino è una pagina facebook creata dal sottoscritto dove pubblicizzo il mio hobby, la mia passione, il mio tempo libero, trovandoci tra amici nell’addestramento.
Il Mantrailing è comunque una disciplina che non è riconosciuta dall’E.N.C.I. mentre in altre nazioni viene utilizzato addirittura come fonte di prova in ambito giudiziario.
Queste poche nozioni che ho scritto sono delle considerazioni personali e se avrai modo di parlare con altre dieci persone sul mantrailing avrai sicuramente dieci opinioni diverse e quasi tutte valide
Ciao e Buon Anno a tutto lo staff Diade.

Online LaMaria

  • Life with Maebh
  • Utente Smeraldo
  • ********
  • Post: 12.799
Mantrailing Trentino
« Risposta #3 il: 30 Dicembre 2018, 20:11:57 »
In realtà quel che racconti - anche quel che riguarda l’importanza del “negativo” - è la medesima testimonianza avuta da Elena Adami del gruppo di Cornuda, che ha fatto stages con personalità autorevoli come Marcello Rendine e Roberta Bottaro, ed è venuta in primavera a fare una dimostrazione al Coordinamento Cinofilo Veneto.
Purtroppo l’allertamento delle UC di Protezione Civile da noi è un po’ macchinoso, passa attraverso la Provincia o la Regione, e di certo parte ben dopo le 12 ma anche le 24 ore dalla scomparsa di una persona. Però credo che ci sia anche una reticenza di fondo. In Germania e Austria ci sono molti gruppi che lavorano in questo ambito. Vedo che comunque i Blood hound vengono formati anche dalla Scuola Provinciale trentina (che li chiamino “cani molecolari” fa un po’ ridere, visto che insomma anche i cani da ricerca a cono d’odore sono “molecolari”!).
Ma non trovi un gruppo vicino a te con cui formarti?