Il Forum del GOLDEN RETRIEVER

CENTRO BENESSERE => Pappa Buona => Topic aperto da: NY152 - 15 Luglio 2018, 07:59:32

Titolo: Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: NY152 - 15 Luglio 2018, 07:59:32
http://vetnutrition.tufts.edu/2018/06/a-broken-heart-risk-of-heart-disease-in-boutique-or-grain-free-diets-and-exotic-ingredients/ (http://vetnutrition.tufts.edu/2018/06/a-broken-heart-risk-of-heart-disease-in-boutique-or-grain-free-diets-and-exotic-ingredients/)
Che ne pensate? Aggiungo che la FDA americana ha già emanato un warning riguardo ai grain free food, senza ancora specificare marche perché ancora in fase di studio.
Titolo: Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: LaMaria - 16 Luglio 2018, 08:56:26
Lo leggerò con calma. Ma all’inizio parla di dieta grain free “boutique”, contenente ingredienti “esotici”: tipo ceci e canguro.
Cosa intende per crocchette “boutique”?
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: Gloria Donati - 16 Luglio 2018, 09:07:42
Secondo me è quasi una lettera di intenti, nel senso che hanno trovato che l'incidenza di questa malattia è più alta su cani alimentati grain free e mi pare aver letto anche a crudo o con cibi esotici  e pertanto vogliono investigare.. ma non è stata individuata una reale correlazione..
vi faccio un esempio di come incidenza non significhi correlazione
se questo tipo di alimentazione è tipico dei proprietari cittadini mediamente benestanti che però trattano il loro cane come animale da salotto ( quindi poco movimento e sovralimentazione in un ambiente fortemente inquinato) ecco che la correlazione è fatta con l'indicatore sbagliato: il cibo, mentre dovrebbe essere fatta su incidenza massa grassa, quantità di movimento fatta, ecc..
E' un pò come la bufala sui vaccini e autismo.. siccome l'autismo è molto difficile diagnosticarlo prima dei 3 anni, ma tre anni è anche l'età dei vaccini, ecco la correlazione  vaccini= pericolo autismo
Quindi occorre seguire con interesse la ricerca che sta mettendo in piedi la FDA ma da qui a dire che una correlazione è stata individuata...
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: LaMaria - 16 Luglio 2018, 09:32:51
Grandissima risposta, Gloria!
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: NY152 - 16 Luglio 2018, 10:35:16
Cara Gloria, faccio il medico e so bene cosa siano l’incidenza, la prevalenza e la correlazione. Pare che l’associazoone  On sia con le abitudini di vita (la CMD non è legata a stile di vita, salvo che ad abuso alcolico, che mi sentirei di escludere nei cani), ma alla carenza di taurina in molti grain free. Dato che somministro alla mia cucciola crocchette Acana (considerate boutique), vorrei solo non stare facendo male pensando di fare bene. Il
Warning dell’FDA mi lascia interdetta. Ho pensato di condividere, poi si vedrà cosa ne verrà fuori.
Un saluto.
Titolo: Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: LaMaria - 16 Luglio 2018, 12:09:00
Grazie, ma per favore mi spieghi cosa significa “boutique diet”? Semplicemente crocchette da negozio, di qualsiasi ditta produttrice?
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: NY152 - 16 Luglio 2018, 12:56:34
Negli USA si considerano boutique quelle migliori, di più alta qualità: https://www.google.com/search?q=boutique+dog+food+brands&ie=UTF-8&oe=UTF-8&hl=en-us&client=safari (https://www.google.com/search?q=boutique+dog+food+brands&ie=UTF-8&oe=UTF-8&hl=en-us&client=safari)
Titolo: Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: LaMaria - 16 Luglio 2018, 13:04:10
Ah, ok, grazie.
Ho letto l’articolo ed è interessante questa possibile relazione fra DCM e carenza di taurina (tanto più se gli studi dimostrano che la situazione migliora con la somministrazione di taurina).
Ma l’articolo dice anche che gli studi “hanno mostrato associazioni tra fattori dietetici e carenza di taurina nei cani, come l'agnello, la crusca di riso, le diete ad alto contenuto di fibre e le diete a bassissimo contenuto proteico”. Quindi anche nelle crocche con cereali!
E poi:
“Recentemente, alcuni perspicaci cardiologi hanno notato tassi più elevati di DCM, compresi i Golden retriever e alcune razze canine atipiche. Hanno anche notato che sia le razze tipiche che atipiche erano abituate a consumare diete boutique o senza cereali, e diete con ingredienti esotici: canguro, lenticchie, anatra, piselli, fave, bufalo, tapioca, salmone, agnello, orzo, bisonte, cervo e ceci. Anche alcune diete vegane sono state associate. È stato anche riscontrato nei cani che mangiano diete crude o preparate in casa”...
Perché adesso tirano fuori le grain free? Direi che tutte le crocchette devono essere ben bilanciate e additivate, anche quelle contenenti cereali...
E a maggior ragione le diete casalinghe o barf...
Poi leggo che “la biodisponibilità e il metabolismo della taurina sono diversi in una dieta a base di agnello rispetto a una dieta a base di pollo o possono essere influenzati dalla quantità e dai tipi di fibre presenti nella dieta”. E insomma, molte piccole aziende cavalcano la moda e puntano più sullo specchietto per allodole degli “ingredienti strani” per attirare la clientela, piuttosto che puntare su rigorosi controlli su una buona e bilanciata formulazione e additivazione. Ma si tratta, come scrive l’articolo, di aziende piccole e prive di adeguati controlli di qualità.
Infatti raccomanda di scegliere aziende certificate con una lunga esperienza nella produzione.
Mi pare che da molto tempo su questo forum @Kaffa affermi questo, e sostenga la necessità che nelle crocchette ci siano tutti gli amminoacidi necessari.
Mi pare che buone quantità di taurina siano contenute nel pollo, nel maiale, nelle uova, comunque negli alimenti di origine animale. Tutto sta a vedere se e come, nel processo produttivo, i nutrienti si mantengono, o se c’è bisogno di integrazioni.
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: titty59 - 16 Luglio 2018, 13:57:22
Personalmente , credo che studi .in certi ambiti siano ...sponsorizzati,e valutando l'aspettativae la qualità di vita  dei nostri pelosi  alimentati " butique diet" rispetto ai tempi passati...........mi viene da pensare che l'incidenza della miocardite canina sia dovuta a fattori che nulla hanno a che vedere con il tipo di alimentazione.Poi per uno che si troverà il peloso alimentato con alimenti grain free ,basso tenore di taurina ecc ecc, e svilupperà il problema, magari potrà dire che..........,ma gli altri 5000 rimuoveranno l'articolo in questione.
Ciao
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: esso - 16 Luglio 2018, 16:29:04
molto interessante. non so perchè ma mi viene in mente il vecchio cane di Franco, caro amico mio, che ha un cane di Tiziana per adesso, che mangiava  grain free, e se ne andato per lo stesso oggetto del post. ance altri casi ne ho sentiti e tutti non si spiegavano il motivo, perchè davano da mangiare cibo di ottima fattura, il cane detenuto benissimo e un bel giorno spunta fuori la brutta notizia. sarà na coincidenza ?
volendola pensare bene ci può stare, forse sono privi altri nutrimenti buoni per l'organo? non lo so, e non  mi sento di escludere nulla. dico solo che di cani che mangiano grain free ne vedo ogni giorno e molti sono affannati, agitati, irrequieti, contro altri tipi di cibo dove li vedo più stabil, meno stanchi e
 meno affannati, più lineare insomma. hai luminari il sapere. 
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: Gloria Donati - 16 Luglio 2018, 19:29:37
Detto che FDA mi sembra un ente molto serio e quindi poco propenso alle lobby (Ma mai dire mai) da come sono formulate le frasi mi pare di capire che sono ancora in altomare, l'unica cosa certa é  la correlazione carenza di taurina con la cardiomiopatia, sul modo in  ui la taurina si rende disponibile ai processi metabolici dei cani mi pare che ancora non sia chiaro, quindi a parte assicurarsi che ve ne sia a sufficienza nel cibo che diamo ai nostri cani fatico a pensare che si possa fare di più
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: Luna14 - 16 Luglio 2018, 20:55:27
Interessante.  Bisogna perciò controllare che sia presente nelle crocchette.  Ma non mi sembra che ci sia in tutte.  Qualcuno sa poi quale è un valore minimo accettabile ?
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: Dottor Divago - 17 Luglio 2018, 20:05:29
http://vetnutrition.tufts.edu/2018/06/a-broken-heart-risk-of-heart-disease-in-boutique-or-grain-free-diets-and-exotic-ingredients/ (http://vetnutrition.tufts.edu/2018/06/a-broken-heart-risk-of-heart-disease-in-boutique-or-grain-free-diets-and-exotic-ingredients/)
Che ne pensate? Aggiungo che la FDA americana ha già emanato un warning riguardo ai grain free food, senza ancora specificare marche perché ancora in fase di studio.
Questo articolo manca di una cosa fondamentale: i numeri. Manca uno studio su base scientifica. Sembra tutto un "potrebbe essere" sinceramente inadeguato ad un dottore. Tanto è vero che lei stessa dice testualmente "se dovesse essere provata la correlazione".
Non ho trovato notizie nel sito fda ma ammetto di averlo scorso molto in fretta. Se qualcuno agevola un link sarebbe molto interessante leggerlo.
Leggendo in rete pare che la causa sia principalmente genetica/ereditaria (provata scientificamente nei dobermann).
Ma la vera schifezza di questo articolo è dire che non bisogna leggere le etichette del cibo che si acquista. Affermare che le piccole case produttrici sono peggio delle grandi, di nuovo senza fare nomi e numeri, è davvero una schifezza. Ne abbiamo dimostrazione anche in questo forum di case italiane non certo grandi che producono cibo infinatemente migliore di multinazionali dal nome roboante.
Non cambierei Metropet per prendere Purina (due nomi a caso, eh) neppure se mi torturassero.
Imho questo articolo è a livello di "mi ha detto mio cuggino" ma io non sono dottore ...

T

Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: titty59 - 18 Luglio 2018, 10:01:56
.........non sei dottore ,ma credo tu  abbia fatto dellle giuste considerazioni .....non solo sanitarie ^-^
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: Tiziana - 18 Luglio 2018, 16:22:55
Questo articolo manca di una cosa fondamentale: i numeri. Manca uno studio su base scientifica. Sembra tutto un "potrebbe essere" sinceramente inadeguato ad un dottore. Tanto è vero che lei stessa dice testualmente "se dovesse essere provata la correlazione".
Non ho trovato notizie nel sito fda ma ammetto di averlo scorso molto in fretta. Se qualcuno agevola un link sarebbe molto interessante leggerlo.
Leggendo in rete pare che la causa sia principalmente genetica/ereditaria (provata scientificamente nei dobermann).
Ma la vera schifezza di questo articolo è dire che non bisogna leggere le etichette del cibo che si acquista. Affermare che le piccole case produttrici sono peggio delle grandi, di nuovo senza fare nomi e numeri, è davvero una schifezza. Ne abbiamo dimostrazione anche in questo forum di case italiane non certo grandi che producono cibo infinatemente migliore di multinazionali dal nome roboante.
Non cambierei Metropet per prendere Purina (due nomi a caso, eh) neppure se mi torturassero.
Imho questo articolo è a livello di "mi ha detto mio cuggino" ma io non sono dottore ...

T


Esattissimo!!!!
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: NY152 - 02 Aprile 2019, 17:03:47
Risollevo questo topic (anche se non era stato accolto molto bene) per pubblicare dei link agli abstract di articoli scientifici, con numeri e dati.
Tutti i link provengono da PubMed, la più grande libreria online mondiale di articoli scientifici, e provengono da scuole di Medicina Veterinaria di un certo calibro (UC Davis, North Carolina). La pagina di ricerca generale è la seguente: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/?term=dcm+dog+taurine (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/?term=dcm+dog+taurine)
Alcuni articoli tra i più recenti che mi sono letta.
Echocardiographic phenotype of canine dilated cardiomyopathy differs based on diet type. (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30797439)
Taurine deficiency and dilated cardiomyopathy in golden retrievers fed commercial diets. (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30543707)
Ci sono anche dei "ma", ovviamente: Special topic: The association between pulse ingredients and canine dilated cardiomyopathy: addressing the knowledge gaps before establishing causation (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30615118)
(del secondo e terzo, per chi volesse, ci sono gli articoli in estenso in pdf: https://journals.plos.org/plosone/article/file?id=10.1371/journal.pone.0209112&type=printable (https://journals.plos.org/plosone/article/file?id=10.1371/journal.pone.0209112&type=printable) e https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6396252/pdf/sky488.pdf (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6396252/pdf/sky488.pdf))

Con questo non voglio demonizzare nulla. Waffle mangia Acana Ranchlands (quindi grain-free) e, ad ora, sta bene. Domani però la nostra vet sentirà il cardiologo della clinica, per sapere un parere sugli studi e sulla dieta.

Credo che tutti vogliamo il meglio per i nostri amici pelosi. Questi articoli non demonizzano nulla, ma, ora che ci sono dati oggettivi, possono essere spunto di discussione e riflessione.
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: Gloria Donati - 02 Aprile 2019, 18:08:00
Grazie.. l'ho scorso brevemente, però mi mancano le competenze mediche per valutare il modello statistico.
Se ho capito bene nel primo articolo si sono selezionati cani con patologia accertata che avevano sia una dieta grain free che una grain based e si sono tenuti sotto osservazione per  3 anni.  E a quelli che avevano una dieta grain free è stata cambiata la dieta e contemporaneamente è stata somministrata della taurina e ne hanno tratto giovamento. Non mi è chiaro perchè non è stato fatto lo stesso per i grain based,e soprattutto perchè   quelli con dieta grain free non sono stati campionati in modo per alcuni di cambiare solo regime altri additivare solo taurina e altri ancora fare entrambi..
Puoi aiutarmi a capire questo sistema di campionamento?
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: NY152 - 02 Aprile 2019, 18:33:29
Grazie.. l'ho scorso brevemente, però mi mancano le competenze mediche per valutare il modello statistico.
Se ho capito bene nel primo articolo si sono selezionati cani con patologia accertata che avevano sia una dieta grain free che una grain based e si sono tenuti sotto osservazione per  3 anni.  E a quelli che avevano una dieta grain free è stata cambiata la dieta e contemporaneamente è stata somministrata della taurina e ne hanno tratto giovamento. Non mi è chiaro perchè non è stato fatto lo stesso per i grain based,e soprattutto perchè   quelli con dieta grain free non sono stati campionati in modo per alcuni di cambiare solo regime altri additivare solo taurina e altri ancora fare entrambi..
Puoi aiutarmi a capire questo sistema di campionamento?
Allora, se ti riferisci al primo link (quello in cui non c'è il pdf completo, titolo "Echocardiographic phenotype..."), è uno studio retrospettivo, ovvero in cui si prendono le "cartelle cliniche" dei cani e si vede cosa è successo. Hanno preso cani con diete grain-based e due tipi di grain-free, più comuni (1) e meno (0). Non hanno potuto modificare diete perché il tutto è stato analizzato a fatti già avvenuti. Peraltro questo studio non ha visto differenze nella incidenza di DCM nei gruppi. Non si sa ancora il motivo esatto, ma è stato visto che implementare carnitina e taurina in cani con DCM (anche se non deficitari) ne migliora la clinica e l'outcome (addirittura fino a tornare a zero farmaci per lo scompenso cardiaco).

Il secondo link (il primo pdf completo, titolo "Taurine deficiency and...") ha solo preso in considerazione golden retrievers affetti da DCM, nella metodologia viene proprio spiegato che, su 40 cani, 8 vengono esclusi perché sani a rivalutazione ecocardiografica.
:)

Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: Gloria Donati - 02 Aprile 2019, 19:41:19
Però quello che mi manca è il dato generale di indice di incidenza  di cani ammalati di DCM rispetto ai 2 tipi di regimi ( grain free e grain based).
Io da tutti questi dati , da assoluta profana , capisco che il DCM è multifattoriale e che l'apporto in caso di malattia di taurina può portare alla regressione della malattia.
Però posso dire che dal punto di vista statistico si tratta di lavori  non ottimali? in cui le variabili modificate sono più di 1 per volta e ogni fase del lavoro non mi è chiaro cosa è volta a dimostrare?
Poi magari è solo perchè non si possono pubblicare tutti i dati.
Però ad esempio mi piacerebbe capire se ai cani GF malati è stata somministrata taurina nella stessa quantità che si troverebbe nei mangimi GB o invece la quantità è superiore
Poi mi piacerebbe capire come mai a fronte dei dati ex post del primo lavoro non si sia fatto un lavoro mirato successivo volto magari a stabilire quanto è l'incidenza genetica e quanto quella alimentare..
Insomma in generale trovo il tutto interessante per gli spunti che dà ma insoddisfacente dal punto di vista della ricerca..
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: NY152 - 02 Aprile 2019, 20:02:44
Però quello che mi manca è il dato generale di indice di incidenza  di cani ammalati di DCM rispetto ai 2 tipi di regimi ( grain free e grain based).
Io da tutti questi dati , da assoluta profana , capisco che il DCM è multifattoriale e che l'apporto in caso di malattia di taurina può portare alla regressione della malattia.
Però posso dire che dal punto di vista statistico si tratta di lavori  non ottimali? in cui le variabili modificate sono più di 1 per volta e ogni fase del lavoro non mi è chiaro cosa è volta a dimostrare?
Poi magari è solo perchè non si possono pubblicare tutti i dati.
Però ad esempio mi piacerebbe capire se ai cani GF malati è stata somministrata taurina nella stessa quantità che si troverebbe nei mangimi GB o invece la quantità è superiore
Poi mi piacerebbe capire come mai a fronte dei dati ex post del primo lavoro non si sia fatto un lavoro mirato successivo volto magari a stabilire quanto è l'incidenza genetica e quanto quella alimentare..
Insomma in generale trovo il tutto interessante per gli spunti che dà ma insoddisfacente dal punto di vista della ricerca..
Sono ottime osservazioni, ma considera che la questione è stata sollevata a giugno 2018 quindi immagino che ci siano studi in corso ma che non siano ancora pubblicabili.
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: Gloria Donati - 02 Aprile 2019, 20:27:18
Si, fino ad ora mi sembra di poter dire che i lavori sono volti a dimostrare che c'è un issue meritevole di attenzione...
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: M.Rosa&Renny - 03 Aprile 2019, 08:34:31
Tutto molto interessante, me lo aveva anticipato Kaffa.
Personalmente credo che ben pochi lo leggeranno per intero ( me conmpreso) , visto che un'analisi cosi' precisa e dettagliata ma IN INGLESE non e' pane quotidiano se non per pochi. Non tanto per la traduzione quanto per la corretta interpretazione.
Detto cio', sorrido leggendo come esotico l'agnello. O altre proteine. Taurina: anni addietro , purtroppo non ricordo bene dove, lessi invece di quanto poteva esser deleteria per i cani se assimilata in maniera errata e/o unitamente ad altri principi. Chiedo venia, ma proprio non ricordo...ne' tantomeno ho competenze di medicina, veterinaria o solamente chimica. Sur generis direi che BENE se anche nel pet food ci si inizia a muovere come in humana ( ed FDA e' una certezza solida e , per quel che vedo io nel mio campo, affidabilissima). Altresi' si rischia, come in Humana, di creare allarmismi o anche solo false speranze : lo si rischia quando i parametri di riferimento a campione sono deboli. Quando le incidenze, appunto, sono quanto minimo poco chiare.
Quesito:
 E le linee di sangue? Discrimante si o no? Se lo sono, in che maniera?
E le patologie in simbiosi o latenti? Esistono compatibilita'? Concause?
E il fattore ambientale?
E gli studi collaterali sulle materie prime?
....non per fare il talebano, ma come Gloria credo che tutte queste info non fanno bene, ma BENISSIMo. Solo che dovrebbero esser divulgate solo DOPO un test che sia il piu' inattacabile possibile. Che abbia affrontato a 360 gradi la patologia ed il suo insorgere.Che spieghi esaustivamente la regressione; tempi, modi, cautele.
Modestissima opinione personale da super ignorante.
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: titty59 - 03 Aprile 2019, 09:10:23
Prima che mi convinceranno che la presenza di DCM  ,vista anche la non elevata incidenza della patologia, possa essere dovuta ad un particolare regime alimentare............
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: NY152 - 04 Aprile 2019, 10:18:33
Prima che mi convinceranno che la presenza di DCM  ,vista anche la non elevata incidenza della patologia, possa essere dovuta ad un particolare regime alimentare............
Tre cose: 1. non voglio convincere nessuno di nulla, io stessa ho dubbi al riguardo ed ho condiviso qua per discuterne
2. gli articoli scientifici, quelli su pubmed, hanno basi, appunto, scientifiche e statistiche solide. Ovviamente sono studi e non verità assolute
3. nessuno degli articoli postati implica un diretto collegamento alimentazione->DCM.
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: kaffa - 01 Luglio 2019, 10:44:32
16 marchi di alimenti per cani correlati a DCM dalla FDA: Acana # 1
L'aggiornamento della FDA ha fornito un grafico che indica 17 marchi mangiati da cani coinvolti nei rapporti ufficiali di DCM.


La Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha pubblicato un aggiornamento sulle loro indagini sui casi di cardiomiopatia dilatativa canina (DCM) correlati a determinati alimenti per cani senza cereali.
L'aggiornamento della FDA ha fornito un grafico che riporta 16 marchi mangiati da cani coinvolti nei rapporti ufficiali di DCM.
La FDA ha osservato che solo i marchi denominati 10 o più volte erano inclusi e che alcuni rapporti elencavano più marchi, mentre altri non ne elencavano nessuno.
"Più del 90 percento dei prodotti era" senza cereali "e il 93 percento dei prodotti segnalati aveva piselli e / o lenticchie", hanno scritto i funzionari della FDA nell'aggiornamento.
"Una proporzione molto più piccola conteneva patate ... Un altro aspetto sconcertante del recente picco nei casi DCM è che si sono verificati proprio negli ultimi anni. La FDA sta lavorando con l'industria del pet food per capire meglio se i cambiamenti negli ingredienti, l'assunzione di ingredienti, la lavorazione o la formulazione possano aver contribuito allo sviluppo di DCM. "


Reazione del gruppo commerciale degli alimenti per animali domestici"
Il Pet Food Institute (PFI) concorda con le dichiarazioni della Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti che si tratta di una questione complessa con molti fattori che richiedono una valutazione scientifica", ha detto il presidente e CEO della PFI Dana Brooks in un comunicato stampa. "Come industria, ci siamo riuniti per studiare ulteriormente l'impatto degli ingredienti per alimenti per animali domestici, la formulazione e la lavorazione dei prodotti, la fisiologia dell'animale domestico, la salute e la longevità del cane. I membri della PFI stanno collaborando internamente e condividono le informazioni rilevanti per l'analisi scientifica mentre lavoriamo insieme per ampliare la comprensione di qualsiasi potenziale connessione tra DCM e dieta. Accogliamo con favore il dialogo continuo tra veterinari, fornitori di ingredienti e produttori di alimenti per animali domestici che promuove la condivisione delle informazioni in questo senso ".


I principali marchi di alimenti per animali domestici associati ai casi DCM:
01 - Acana - 67
02 - Zignature - 64
03 - Taste of the Wild - 53
04 - 4Health - 32
05 - Earthborn Holistic - 32
06 - Blue Buffalo - 31
07 - Nature's Domain - 29
08 - Fromm - 24
09 - Merrick -16
10 - California Natural -15
11 - Natural Balance -15
12 - Orijen -12
13 - Nature's Variety - 11
14 - MutriSource - 10
15 - Nutro - 10
16 - Rachael Ray Nutrish - 10


Storia dell'indagine federale DCM
Nel luglio 2018, la Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha allertato i proprietari di animali domestici e i veterinari sulle segnalazioni di cardiomiopatia dilatativa canina (DCM) nelle razze canine senza predisposizioni genetiche alla malattia. Sebbene non associati all'ereditarietà, i cani condividevano un fattore comune. Spesso mangiavano alimenti per cani contenenti piselli, lenticchie, altri semi di legumi o patate come ingredienti principali. Alti livelli di legumi o patate appaiono in diete etichettate come senza cereali, che la FDA ha indicato nel loro avvertimento, ma rimane sconosciuto come questi ingredienti siano legati ai casi di DCM.

Risultati da indagini federali sulla malattia cardiaca del cane e la dieta
Le diete riportate nei casi segnalati alla FDA elencano frequentemente patate o legumi multipli come piselli, lenticchie, altri legumi (semi di legumi) e le loro proteine, amido e derivati ??delle fibre all'inizio della lista degli ingredienti, indicando che sono ingredienti principali. I primi rapporti della comunità di cardiologia veterinaria indicano che i cani mangiavano costantemente questi alimenti come fonte primaria di nutrizione per mesi o anni.Nei rapporti che la FDA ha ricevuto, alcuni cani hanno mostrato segni di malattie cardiache, tra cui diminuzione di energia, tosse, difficoltà di respirazione e episodi di collasso. Le cartelle cliniche relative a quattro casi DCM atipici, tre Golden Retriever e un Labrador Retriever mostrano che questi cani presentavano bassi livelli ematici totali di aminoacido taurina. La carenza di taurina è documentata come potenzialmente all'origine di DCM.



FONTE: (per leggere l'originale occorre registrarsi)
https://www.petfoodindustry.com/articles/8295-dog-food-brands-correlated-to-dcm-by-fda-acana-1 (https://www.petfoodindustry.com/articles/8295-dog-food-brands-correlated-to-dcm-by-fda-acana-1)
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: M.Rosa&Renny - 01 Luglio 2019, 13:42:31
Alla luce di quanto sopra, Davide, io da acanista convinto mi trovo pero' a fare una riflessione profonda. Kira mangia Acana lamb & Feed da sempre. Sta benone, mai perso appetito, feci perfette e mai un problema. Pero' mi tocchera' seriamente rifletter su un possibile cambio di mangime, visto che l'attuale contiene TUTTI i compomenti che paiono dannosi. Non so se l'addizionar la dieta di crocche come facciamo noi ( coi dovuti tempi e dosi  le si da anche uovo, tonno, frtutta, vedura, cane) supplisca alle carenze che portano a deficitar della taurina. Non lo so. Ora devo ponderare l'ipotesi se  cambiare crocche, quindi basta Acana e basta Grain free. Darle le F$D salmon adult che mangia Charlie? Preferirei restar sull'agnello... Non so davvero dove andare a parare.
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: Luna14 - 01 Luglio 2019, 16:42:28
Caspita,  da da pensare questo studio.  Ma penso che passare a fish4dogs non servirebbe, perchè se responsabili sono i piselli, anche questo li contiene.  Anche io come Te mi sono posta la domanda:  può essere sufficiente integrare solo la taurina, mantenendo i crocchi che uno somministra ?  Perchè se è la taurina il problema,  e se non si può integrare a parte,  bisogna cercare una crocca in cui viene integrata,  come già viene fatto per le crocche dei gatti.
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: titty59 - 01 Luglio 2019, 17:48:43
Due settimane fa ,di ritorno da 7 giorni marittimi,la mia pelosa (11 anni)mi è parsa un po' ..diciamo provata affaticata .Allarmato ,ho chiamato la vet al domicilio, la quale ,non trovando nulla di significativo, mi ha comunque attivato un controllo eco per il giorno seguente,ipotizzando problemi del tratto digestivo ,che io non condividevo, pensando piu' ad un problemA ..centrale.Eco addominale ,reni, ecc, tutto ok ma la sorpresa è stata il cuore:un quadro ipocinetico, con un inizio di dilatativa senza comunque una sintomatologia correlata tale da fare pensare a cio'.La mia pelosa ,da una vita (credo dai 3 anni) ha sempre mangiato acana prima agnello e ora senior ed è stata sempre in salute ( a parte un po di tartaro ^-^ ),ma cerchiamo sul web  l'incidenza di tale patologia nelle varie razze ,vediamo che il golden non sono certo in fondo alle classifiche.Che dire?Ora è in terapia con cardisure ,diuretico, carnitina e taurina  e la prossima settimana facciamo l'eco di controllo per valutare il quadro evolutivo, che a mio avviso dovrebbe essere migliorativo, visto che la mia pelosa è tornata pimpante come al solito.Colpa dell'alimentazione ?Non so ,ma di certo gli anni credo abbiano la colpa maggiore, poi per il resto io continuero a darle Acana,premietti vari e a monitorare -curare la mia vecchietta  :( .......... ^-^ ^-^ ^-^ ^-^ .
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: Luna14 - 01 Luglio 2019, 18:14:18
Mi dispiace, spero che la situazione rientri.  Però tra le altre cose il Tuo veterinario ti ha fatto somministrare taurina,  questo mi fa pensare.  Saresti così gentile di farci sapere poi se la taurina dovrai darla in via continuativa o se te la fa sospendere ?   Io sono sempre più convinta che una integrazione di taurina potrebbe fare bene ai nostri pelosi,  la prossima volta che andrò dalla veterinaria proverò a chiedere,  per capire anche quale dovrebbe essere il dosaggio.   
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: M.Rosa&Renny - 01 Luglio 2019, 18:24:18
Mi dispiace, spero che la situazione rientri.  Però tra le altre cose il Tuo veterinario ti ha fatto somministrare taurina,  questo mi fa pensare.  Saresti così gentile di farci sapere poi se la taurina dovrai darla in via continuativa o se te la fa sospendere ?   Io sono sempre più convinta che una integrazione di taurina potrebbe fare bene ai nostri pelosi,  la prossima volta che andrò dalla veterinaria proverò a chiedere,  per capire anche quale dovrebbe essere il dosaggio.

Guarda, te lo scrivo da acanista convinto e contento: piuttosto che dover integrare la crocca con la taurina credo sia più indolore cambiar alimento. E ripeto...io sono acanista!
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: titty59 - 01 Luglio 2019, 19:36:26
Non so se ci siano crocchette con integratori "cardiotonici" in quantità ,come da consiglio del vet,per cui vista anche la fiducia che mi da il vet ecografista ,seguiro' i suoi consigli magari facendo valutazioni "posologiche",vista anche la sua asintomatologia  caratteristica,ma non credo si possa rimettere indietro la lancetta degli effetti del tempo, come tutti noi vorremmo.Sul fatto di dare integratori ,di supporto ,senza una....... presunta reale necessità , non sono molto in accordo;le formulazioni  odierne ,di molte case produttrici di alimenti per cani, hanno alimenti ...studiati per fare si che i nostri pelosi ,possano raggiungere venerande età ,fino a pochi anni orsono difficili da raggiungere, per cui se negli antenati della tua pelosa ,non ci sono casi di patologie cardiache del genere ,io non integrerei nulla.Nel caso ,la mia pelosa ,avesse figliato ;) (cosa non accaduta) magari uan qualche eco cardiaca  di "controllo" lo metterei in conto e forse anche la ricerca di una crocca che mi soddisfi dal punto di vista della quantita di  integratori cardiologici dichiarati.
Ciao
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: NY152 - 01 Luglio 2019, 20:07:18
Mi spiace, Tiziano, spero che le cose migliorino in fretta!

Quanto a noi, abbiamo fatto un ecocardio a Waffle a fine maggio, perfetto, ma volevo farlo perché mangia Acana da 1 anno. Ora sto pensando a che alternativa darle... quali suggerimenti? Non grain free, ovviamente.
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: titty59 - 02 Luglio 2019, 18:18:08
Su Fido a tavola ho trovato questi ..consigli.
[/size][/color]Cosa fare dunque?[/font]
[/size][/color]Una prima considerazione è che i 200 casi di cardiomiopatia dilatativa in razze non propense sono stati segnalati tutti negli Stati Uniti e non in Europa (Aldrich and Freeman, 2018). Nonostante ciò tutti i fattori che abbiamo analizzato e che possono influire negativamente sulla qualità della dieta che offriamo ai nostri cani non devono essere rimossi, i legumi, i piselli, alcune carni esotiche non sono ancora conosciuti in maniera approfondita dal punto di vista nutrizionale. Le patate sono fonte di un amido facilmente digeribile per i cani, ma hanno anche presenza di sostanze indigeribili.[/font]
[/size][/color]Il mio consiglio è di scegliere una dieta che contenga un buon livello di proteine animali di ottima qualità (carne fresca e/o disidratata per prime), che contenga la quantità minima di proteine vegetali (legumi e/o soia al quarto o quinto posto della lista degli ingredienti), che non abbiano un ingrediente vegetale al primo o al secondo posto. Questo non vuol dire che le diete che non soddisfano uno di questi suggerimenti non siano valide, semplicemente non possiamo controllare facilmente se e quale integrazione con aminoacidi di sintesi, per esempio, sia attuata nella formula. E’ vero, esiste la possibilità di chiamare un numero, che l’azienda produttrice deve chiaramete indicare, ma in genere rispondo operatori di un call-center, non tecnici preparati. Consultatevi con il medico veterinario di vostra fiducia o il professionista nutrizionista che segue l'alimentazione del vostro amico a quattro zampe.[/font]
[/size][/color]Un altro consiglio è variare, scegliete due o tre gusti e due marche di buona o ottima qualità. Variate il gusto ogni settimana, anche  ai cani piace cambiare sapori, e possibilmente cambiate marca almeno ogni 6 mesi, meglio ogni 4. In questo modo effettuerete una rotazione che consentirà di cambiare l’integrazione vitaminico-minerale e dei micro-ingredienti aggiunti (MOS. FOS, estratti fitoterapici, oli essenziali, ecc.).[/font]
[/size][/color]Cosa ne pensate di queste, specialmente ultime, considerazioni?[/font]
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: Gloria Donati - 03 Luglio 2019, 03:49:20
Francamente per Tass la vedo complicata.. considerato quanto è  delicato mi ritengo soddisfatta di poter cambiare fonte proteica.. per Namurr in parte lo sto già  facendo.... ma quello che non mi è  chiaro è se il cambio è  con crocche sempre diverse oppure se si può  ruotare con 2-3 marche... tutto sommato non è  così  facile trovare buone crocche
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: titty59 - 03 Luglio 2019, 09:38:15
Gloria ,da quanto ..consigliato  in questo articolo ,mi pare di capire ,che piu' cambi; marca di crocche  e componenti, meglio sia,cosa, che non mi pare sia anadata per la maggiore nei consiglie "alimentari" degli ultimi tempi.A logica ,la trovo una considerazione sensata, ma a livello "canino" ..........fino ad oggi ,mi pare fosse ..diciamo contrastata!?
Ciao
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: M.Rosa&Renny - 03 Luglio 2019, 09:48:03
A me invece sta cosa non piace. Affatto. Parlassimo di casalinga, che se BEN FATTA e' variegatissima di suo.....ci mancherebbe. Ma le crocche son la sintesi di un processo produttivo. Che ogni singola azienda sviluppa in modo autonomo. Diversificato. Specifico. Utilizzando sovente tecniche  differenti ( pressatura a freddo, estrusione, ecc). E addizionando la "base" con principi e/o integrazioni  a loro volta specifiche. Non parliamo di un piatto di spaghi, dove Voiello o Barilla variano in tenuta cottura e sapore. Ma la pentola, l'acqua, i tempi di cottura, il fornello...e LA MANO di chi cucina son gli stessi.
Cioe' io tutti ste variabili, e sopratutto le variabili nelle  variabili, non ce le vedo bene. Ci son tati che al cambio pappa ci metton una settimana a tirarsi in dima, pur restando sullo stesso marchio ( indi senza variabili di processo). Figuriamoci a cambiar proteina, marca, formule, q.ta ceneri grezze, addizionali, ecc....ogni due per uno!
Io ora come ora se cambiassi la pappa di Kiri andrei sull'agnello di ND ( Gloria, so che lo usavi come merchio e ti ci trovavi bene).
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: kaffa - 03 Luglio 2019, 09:55:08
Il fatto che tutti gli studi sulla DCM Taurino mediata siano fatti in USA, non significa che il problema sia confinato oltre oceano.
Purtroppo conosco personalmente alcuni cani che sono deceduti per "problemi cardiaci", e sui quali, alla luce dei fatti, si sta indagando...
Ci sono diversi pool di studio in Europa, ed anche in Italia, su questo problema, stanno lavorando alcuni veterinari.

Al momento stanno facendo uno screening su un pool di cani, e non escludo che ci possa anche essere la possibilità di coinvolgere gli utenti del Forum, visto che il Golden Retriever è una delle razze particolarmente colpite/predisposte a questo tipo di problema.
La DCM, purtroppo quando si manifesta è troppo tardi per poter intervenire, viceversa è sufficiente un esame del sangue specifico per verificare i livelli di Taurina e di altri marcatori e, da un lato essere utili allo studio in questione, e dall'altro, soprattutto, essere in tempo per intervenire qualora i risultati evidenziassero dei segnali di allarme.

Credo che entro brave aprirò una discussione, o una sezione apposita, dove pubblicare gli articoli più significativi, magari tradotti, e tenere aggiornato il forum.
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: M.Rosa&Renny - 03 Luglio 2019, 10:30:23
Grazie Davide.
Se poi il Forum  dovesse diventar uno degli attori che permettono indagini piu' approfondite, ben venga! Come fu per il progetto mangimi, che tantissimi proprietari di altre razze vengono quotidianamente a prender per spunto, anche in questa delicata situazione saremmo in prima linea.
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: Ely93 - 03 Luglio 2019, 13:09:54
Ragazzi, aggiornate sulle papabili alternative perché sono veramente sconfortata... Abbiamo cambiato da 2 mesi ed ho appena ricevuto 2 pacchi di Wild coast che seppur in minor quantità hanno entrambi i legumi citati...
Penso che solo Regal si salva
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: titty59 - 03 Luglio 2019, 14:18:03
La logica delle ultime due righe dell'intevento,di  Kaffa,credo possa essere d'aiuto a vivere piu' tranquillo l utilizzo delle solite crocche in attesa di varie ed eventuali.
Ciao
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: NY152 - 03 Luglio 2019, 15:38:09
Noi abbiamo preso un pacco piccolo di farmina ancestral (quindi non grain free), non ha piselli e mi sembrano ingredienti buoni. Pacco piccolo perché mi riservo di capire meglio quale sia il cibo migliore per Waffle.
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: Luna14 - 03 Luglio 2019, 16:29:45
Stavo guardando Farmina ND agnello e mirtillo.  Nota positiva: contiene taurina.  Nota che mi pare negativa,  hanno cambiato la descrizione degli ingredienti:  la seconda voce degli ingredienti che prima era "carne di agnello disidratata (18%), ora è:  "proteine di agnello disidratate (18%)".  Mi pare di ricordare che le proteine di ......  possono contenere di tutto, perciò se non erro il prodotto è peggiorato.  Attendo Vostre considerazioni.
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: titty59 - 03 Luglio 2019, 17:02:23
......ogni tanto,parte qualche studio che ...allarma per i suoi risultati, e la rincorsa alle soluzioni di un ...ventilato problema diventano ragioni di vita......o di morte.Non sono certo una voce con valore per confutare o mettere ..oggettivamente in discussione quanto affermato da questi studi, ma nel mio piccolo cerco di capire (poi è soggettivo che ci riesca :smiley: )tra le righe se  quanto esposto puo' essere ...vangelico.Già i numeri della classifica di Kaffa sono a mio avviso ...diciamo contrastanti;Acana prima e Orjien mi pare ricordare dodicesima ?Mi viene da pensare che non usino componenti proteici diversi e nemmeno "aggiunte"diverse  ,credo cambiano le % dei componenti per cui ,già questo dato mi lascia un po'.... :-\  cosi'.I numeri di per se dicono poco se non collegati alle razze per le quali sappiamo che alcune hanno una percentuale d'incidenza della patologia superiore mi pare al 50% dei soggetti  (mi pare doberman),e questo già credo possa fare riflettere sul fatto che una predisposizione genetica sia comunque alla base di molte ..(.se non di piu') manifestazioni del problma.L'età d'insorgenza ,lo stile di vita, il quadro clinico e strurrale del soggetto,ecc,ecc.Magari già tutto considerato!?.Non so ,io rimango alla finestra e magari fra qualche hanno ,mi sentiro' in colpa per aver dato per una vita crocchette Acana ( piu' premietti culinari vari)ai miei pelosi,perchè verrà dimostrato che una formulazione del genere era deficitaria sotto questi  aspetti .......ma personalmente ci credo poco.
ciao
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: NY152 - 03 Luglio 2019, 17:06:56
Non so se sia una questione di crederci o meno, sono studi scientifici, ovviamente ancora in divenire, ma che stanno producendo dati. La scienza, come si suol dire, non è democratica. Detto ciò, stiamo anche noi cercando l’alimentazione migliore e non abbiamo ancora concluso nulla.
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: titty59 - 04 Luglio 2019, 08:23:54
Il fatto che siano studi scientifici,non vuol dire che non si possano ........analizzare e cercare di darle il loro giusto valore.Non sono in grado di "tradurre" i vari riferimenti a cui si fa riferimento innanzi, ,ma dire che su tutti cani presi in considerazione,176 erano alimentati a crocchette Acana ,a mio avviso non ha nessun valore scientifico,per dire che................., se non collegato alle razze dei soggetti ed al numero di soggetti che ne fanno uso.Se dei 176 soggetti, la metà sono doberman ,altri studi ,dicono che......., mentre se 1000 pelosi (es.) mangiano crocchette Acana,e le  Nutro le mangiano 20 soggett i 10 casi ne ,cambiano le % e anche il valore dei  risultati.Qualora le case produttrici riterranno ,di fare la cosa giusta aggiungendo taurina ,non ci metteranno molto ad adeguarsi (anzi credo che lo faranno al piu' presto,perchè cosi ...vuole il mercato).Personalmente ,seguendo il filo dello studio ,ritengo che chi ha già in atto una dieta, magari raggiunta dopo tante problematiche,possa tranquillamente continuare con la stessa,facendo un controllo ematico per titolare i valori di taurina disponibilii , un eventuale ecocardiaca,e eventualmente integrare con l'aminoacido in questione ,mentre chi è ha alla ricerca per iniziare un percorso alimentare ....faccia liberamente e sue considerazioni,con la certezza che ...non ci sono certezze .
Ciao

Ciao
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: Gloria Donati - 05 Luglio 2019, 07:05:58
Stavo guardando Farmina ND agnello e mirtillo.  Nota positiva: contiene taurina.  Nota che mi pare negativa,  hanno cambiato la descrizione degli ingredienti:  la seconda voce degli ingredienti che prima era "carne di agnello disidratata (18%), ora è:  "proteine di agnello disidratate (18%)".  Mi pare di ricordare che le proteine di ......  possono contenere di tutto, perciò se non erro il prodotto è peggiorato.  Attendo Vostre considerazioni.
Quello per adulto low grain ha ancora la carne di agnello disidratata
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: Luna14 - 05 Luglio 2019, 18:15:55
Qualcosa non mi torna.  Le formulazioni agnello ND mini, medium e maxi sul sito si legge "proteine di agnello 18%",  l'unica formulazione che riporta ancora la dicitura "carne di agnello disidratata 18%" è la medium e maxi,  mi sembra strano,  io penso che si sono dimenticati di correggerla,  non credo che producano due prodotti differenti.
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: jordan - 08 Luglio 2019, 22:06:59
Sarà un caso ma al mio precedente PT, quindi non proprio una razza predisposta, a tre anni e mezzo alimentato con di Acana è insorta una cardiomiopatia dilatativa che poi l'ha condotto alla morte dopo un anno e mezzo grazie a cure costosissime.
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: M.Rosa&Renny - 09 Luglio 2019, 07:23:46
Gloria, chiedo a te perche' lo usavi: tu come vedrest la sostituzione di Acana Lamb con ND agnello e mirtillo per la Kira?
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: Ely93 - 09 Luglio 2019, 11:56:13
https://www.farmina.com/it/eshop/alimenti-per-cani/n&d-ancestral-grain-canine/597-lamb-&-blueberry-adult-medium-&-maxi.html

Gloria dici questo? Il primo ingrediente è agnello fresco disossato 20% il secondo carne di agnello disidratata (18%)...
Renato intendi dare a Kira questo low grain?
Io con Farmina mi ero trovata bene tutto sommato... Ricordo solo pelo ispido che con il senno di poi ho collegato alla crescita... Almeno feci e orecchie erano perfette a differenza delle ultime prove che abbiamo fatto  ::)
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: Ely93 - 09 Luglio 2019, 12:00:54
Altra cosa... Ho capito bene che i mangimi con piselli/lenticchie e anche patate hanno dato problemi di DCM? Perché questo Farmina contiene piselli,seppur in minore quantità del merluzzo e arancia
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: M.Rosa&Renny - 09 Luglio 2019, 12:22:44
Sono indecisissimo.... la Kiri viaggia bene con Acana però sono sincero: mi è venuta la sincope!
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: Ely93 - 10 Luglio 2019, 09:02:52
Sono indecisissimo.... la Kiri viaggia bene con Acana però sono sincero: mi è venuta la sincope!

A chi lo dici!! Regal all'agnello per esempio contiene patate (se non mi sbaglio visto che in questi giorni ci sto perdendo le ore) però dovrebbe essere un'ottima alternativa.. Proteine basse per quando lavora in estate? E dare anche a lei f4d come per Charlie?
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: Fede°Aaron - 10 Luglio 2019, 11:43:54
Anche noi stessa situazione.. a settembre cambieremo pappa ad Aaron.. ho ancora due sacchi da finire di Acana....
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: M.Rosa&Renny - 10 Luglio 2019, 11:55:37
A chi lo dici!! Regal all'agnello per esempio contiene patate (se non mi sbaglio visto che in questi giorni ci sto perdendo le ore) però dovrebbe essere un'ottima alternativa.. Proteine basse per quando lavora in estate? E dare anche a lei f4d come per Charlie?

Carlona mangia le salmon per un discorso di ittiosi; cmq da un annetto e' sempre +  asciutta e gnucca di Kiri. sembra di legno! Pero' il fiato e' mefistofelico...lei e' una baciona....quindi immagina! Kiri col pesce ci ho pensato, ma non ero convinto...in primis perche' a piccole dose ok ma se esagera ha la diarrea. Cmq questione di secondaria importanza, e da eventualmente valutare, visto che avra' mangiato max 20 crocche di Carla in due anni. Pero' essendo vorace come un tirannosauro, credo che sarei dovuto salir con la razione...magari andando poi incontro a episodi diarroici. Insomma...non ero convinto.
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: Ely93 - 10 Luglio 2019, 12:00:42
Yes.. Mi avevi già risposto nel tuo topic riguardo il pesce per Kira... Rinnovo la domanda.. Troppo poco proteiche le Regal per lei?
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: M.Rosa&Renny - 10 Luglio 2019, 12:23:06
No, è che ne provai un sacco anni fa e non mi piacquero.
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: NY152 - 10 Luglio 2019, 12:31:11
Noi stiamo provando le Farmina Ancestral Grain pollo e melograno, e per ora direi abbastanza bene, feci un pochino molli i primi 2 giorni ma ora risolto.
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: Gloria Donati - 10 Luglio 2019, 15:46:47
Come ho già detto altre volte io con Tass uso le ND ancestral da almeno 6 anni e direi che per lui sono perfette... Namurr non fa testo visto che  fa belle cacche in ogni caso.. però gli esami che faccio ogni anno sono a posto per tutti e due, Tass quest'anno è risultato a posto anche con l'eco.. il colesterolo è un pò alto, ma quello l'ha sempre avuto anche quando lo alimentavo con altre crocche..
Per il momento gli mantengo le adult anche se ha già ormai 11 anni e passa, visto gli esami del sangue, perchè le senior sono solo al pollo e con lui il pollo non mi ha mai dato buoni risultati, ho però ridotto di molto le dosi e adesso mangia gli stessi grammi di NAmurr. Ultimamente sono passata dal merluzzo all'agnello ( una volta avevo finito le crocche al pesce e non mi era ancora arrivato il pacco nuovo quindi gli ho dato quelle di Namurr all'agnello) perchè ha diverse fonti proteiche  quindi lo preferisco..
Però secondo me ogni cane fa storia a sè... Il labrador di un mio amico non tollera molto le low grain ed è passato a quelle alla zucca , e lui con quelle si trova bene..Non so se la zucca come fonte di carboidrati ha controindicazioni.. in ogni caso ho notato che farmina la taurina la mette anche come additivo...
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: Sabry - 10 Luglio 2019, 17:33:59
Si questa cosa della taurina l’ho notata anche io curiosando in giro. Per esempio nelle Regal ho visto che non c’è.
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: Gloria Donati - 10 Luglio 2019, 18:52:20
Scusate qualcuno ha indicazioni sull'olio di salmone?
IO un paio di volte all'anno faccio dei cicli
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: M.Rosa&Renny - 10 Luglio 2019, 21:20:15
Scusate qualcuno ha indicazioni sull'olio di salmone?
IO un paio di volte all'anno faccio dei cicli
Gloria io li faccio con aloe. Su pelo effetto analogo ma con più interazioni chimiche a livello gastrointestinale e altro
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: Gloria Donati - 10 Luglio 2019, 22:47:48
Renato, a me l'avevano consigliato proprio per il cuore, oltre che per il pelo.
Il contenuto è lo stesso delle gocce che danno in umana...
 "Olio di Salmone  è una risorsa di acidi grassi della serie Omega 3. In base a studi scientifici gli acidi grassi Omega 3 si sono dimostrati capaci di abbassare il colesterolo, i trigliceridi nel plasma, che potrebbero nel tempo essere fattori di rischio per aterosclerosi e patologie cardio-vascolari. Anche cute, articolazioni e sistema nervoso hanno un beneficio nell'assunzione di Omega 3. Essi migliorano il tono muscolare accelerando la sintesi proteica e riducono il senso di fame."
Però non so se ha altri effetti...
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: titty59 - 11 Luglio 2019, 14:32:11
Gloria ultimi studi affermano che gli omega 3 non offrono nessuna protezione contro ictus e infarto e mi pare siano stati tolti dalla nostra regiione come ,mutuabili.
Ciso
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: madmax - 12 Luglio 2019, 14:16:06
mi sposto su questa discussione visto che nell'altra stavamo entrando in questo argomento, potrei avere un vostro parere su questi due prodotti che non contengono patate o piselli, il primo è integrato anche con la taurina, ma non specifica grasso animale, e non sono bravo a valutare il resto. Attualmente uso da mesi Simpsons salmone o agnello con patate  che mi ha risolto tutti i problemi alle orecchie, feci ecc.., ma vorrei, per precauzione, alternare per evitare un uso continuo e prolungato con le patate o andare su prodotti con legumi, restando però in questo range di grassi e proteine.

Winner Plus
Salmon & Rice 100%

Composizione: salmone disidratato (27%); riso (26%); riso integrale; grasso animale; polpa di barbabietola disidratata (dezuccherata); olio salmone; mannanoligosaccaridi (di origine naturale); minerali; lievito di birra; inulina (frutto-oligosaccaridi di origine naturale); condroitina; glucosammina.

Componenti analitici: proteine grezze 24%; oli e grassi grezzi 14%; fibre grezze 2%; cenere grezza 5,50%; calcio 1%; fosforo 0,80%; sodio 0,13%; selenio 0,50 mg / kg; omega 3 (0,60%); omega 6 (2,10%).

Additivi (per kg). Additivi nutrizionali: Vitamina A 20.000 U.I.; Vitamina D3 1.800 U.I.; Vitamina E 200 U.I.; Vitamina B1 15 mg; Vitamina B2 20 mg; Vitamina B6 20 mg; Vitamina B12 210 mcg; Vitamina C 100 mg; Cloruro di colina 575 mg; Acido pantotenico 50 mg; Niacina 50 mg; Acido folico 7 mg; Taurina 1.000 mg; Biotina 1.000 mcg; rame (solfato rameico (II) pentaidrato) 5 mg; zinco (zinco solfato monoidrato) 65 mg; ferro (ferro (II)solfato monoidrato) 50 mg; manganese (manganous -(II)- ossido) 35 mg; iodio (iodato di calcio) 1,50 mg; L-carnitina 300mg.

Additivi tecnologici: Antiossidanti (Vitamina E: estratti di tocoferolo di origine naturale).

Monge Speciality Line - All Breeds Adult con Salmone e Riso

Salmone (fresco 10%, disidratato 26%), riso, polpa di barbabietola, lievito di birra (fonte di M.O.S. e vitamina B12), grasso animale (salmone, conservato con antiossidanti naturali), proteine animali idrolizzate, X.O.S. (Xylo - oligosaccaridi 3 g/kg), idrolizzato di lievito (M.O.S.), yucca schidigera, spirulina, cartilagine idrolizzata (fonte di condroitina solfato), crostacei idrolizzati (fonte di glucosamina), metil sulfonil metano, radice di echinacea, origano, aglio essiccato in polvere.

COMPONENTI ANALITICI
Proteina Grezza 25,00%, Oli E Grassi Grezzi 14,00%, Fibra Grezza 2,50%, Ceneri Grezze 6,50%, Calcio 1,20%, Fosforo 0,90%, Omega 6 Acidi Grassi Essenziali 4,00%, Omega 3 Acidi Grassi Essenziali 0,30%, Energia Metabolizzabile 4.020 Kcal/Kg
ADDITIVI NUTRIZIONALI
Vitamina A 24.000 U.I., Vitamina D3 1.700 U.I., Vitamina E 190 mg., Vitamina B1 12 mg., Vitamina B2 15 mg., Vitamina B6 7,00 mg., Vitamina B12 150 mg., Biotina 20 mg., Niacina 30 mg., Vitamina C 200 mg., Acido Pantotenico 18 mg., Acido Folico 1,70 mg., Colina Cloruro 2.500 mg., Inositolo 3,60 mg., E5 Solfato manganoso Monoidrato 32 mg, E6 Ossido di Zinco 150 mg., E4 Solfato rameico pentaidrato 13 mg., E1 Solfato ferroso monoidrato 110 mg., E8 Selenito di Sodio 0,20 mg., E2 Iodato di Calcio 1,80 mg., L-Carnitina 100 mg., DL-metionina tecnicamente pura 1,60 g.
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: Luna14 - 12 Luglio 2019, 14:41:04
Interessante la Winner,  contiene taurina,  sai che quasi quasi faccio una prova con questo ?   Io avevo provato la Monge ma non mi ero trovata bene, è una di quelle  croche che ha dato problemi alle orecchie alla mia labrador.   Posso chiederti su quale sito le hai trovate ? 
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: madmax - 12 Luglio 2019, 15:01:46
quasta marca la usai quando era cucciolo e le prendevo in un negozio che era distante, non le trovavo nei soliti negozi online, il sito del produttore è http://www.winnerplus.eu/ credo siano italiani ma la produzione è in Germania e fanno la confezione da 18 kg.  Della Monge hai usato la Speciality Line con Salmone e Riso o una formula diversa ?
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: Gloria Donati - 12 Luglio 2019, 15:06:48
Io dico solo che la Winner ha come primo ingrediente il riso, l'ha diviso in 2 parti solo per mascherare ...
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: madmax - 12 Luglio 2019, 15:46:07
grazie del consiglio, di Monge che ne pensi ? Se magari hai qualche alternativa...
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: Gloria Donati - 13 Luglio 2019, 00:07:22
Per me Monge superpremium non è male.. e soprattutto ha un rapporto qualità prezzo elevatissimo...
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: MarcoEle - 16 Settembre 2019, 12:09:36
Questo articolo manca di una cosa fondamentale: i numeri. Manca uno studio su base scientifica. Sembra tutto un "potrebbe essere" sinceramente inadeguato ad un dottore. Tanto è vero che lei stessa dice testualmente "se dovesse essere provata la correlazione".
Non ho trovato notizie nel sito fda ma ammetto di averlo scorso molto in fretta. Se qualcuno agevola un link sarebbe molto interessante leggerlo.
Leggendo in rete pare che la causa sia principalmente genetica/ereditaria (provata scientificamente nei dobermann).
Ma la vera schifezza di questo articolo è dire che non bisogna leggere le etichette del cibo che si acquista. Affermare che le piccole case produttrici sono peggio delle grandi, di nuovo senza fare nomi e numeri, è davvero una schifezza. Ne abbiamo dimostrazione anche in questo forum di case italiane non certo grandi che producono cibo infinatemente migliore di multinazionali dal nome roboante.
Non cambierei Metropet per prendere Purina (due nomi a caso, eh) neppure se mi torturassero.
Imho questo articolo è a livello di "mi ha detto mio cuggino" ma io non sono dottore ...

T

https://www.fda.gov/animal-veterinary/news-events/fda-investigation-potential-link-between-certain-diets-and-canine-dilated-cardiomyopathy puoi continuare ad approfondire attraverso i vari link dentro l'articolo e in fondo all'articolo

visto che chiedevi dei numeri nell'articolo ci sono dei grafici che li riportano, inoltre sono pubblici i dati inerenti a tutti i casi segnalati alla FDA di cui ti metto il link https://www.fda.gov/media/128303/download
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: MarcoEle - 16 Settembre 2019, 12:26:53
......ogni tanto,parte qualche studio che ...allarma per i suoi risultati, e la rincorsa alle soluzioni di un ...ventilato problema diventano ragioni di vita......o di morte.Non sono certo una voce con valore per confutare o mettere ..oggettivamente in discussione quanto affermato da questi studi, ma nel mio piccolo cerco di capire (poi è soggettivo che ci riesca :smiley: )tra le righe se  quanto esposto puo' essere ...vangelico.Già i numeri della classifica di Kaffa sono a mio avviso ...diciamo contrastanti;Acana prima e Orjien mi pare ricordare dodicesima ?Mi viene da pensare che non usino componenti proteici diversi e nemmeno "aggiunte"diverse  ,credo cambiano le % dei componenti per cui ,già questo dato mi lascia un po'.... :-\  cosi'.I numeri di per se dicono poco se non collegati alle razze per le quali sappiamo che alcune hanno una percentuale d'incidenza della patologia superiore mi pare al 50% dei soggetti  (mi pare doberman),e questo già credo possa fare riflettere sul fatto che una predisposizione genetica sia comunque alla base di molte ..(.se non di piu') manifestazioni del problma.L'età d'insorgenza ,lo stile di vita, il quadro clinico e strurrale del soggetto,ecc,ecc.Magari già tutto considerato!?.Non so ,io rimango alla finestra e magari fra qualche hanno ,mi sentiro' in colpa per aver dato per una vita crocchette Acana ( piu' premietti culinari vari)ai miei pelosi,perchè verrà dimostrato che una formulazione del genere era deficitaria sotto questi  aspetti .......ma personalmente ci credo poco.
ciao

la differenza tra Orjien e Acana è che Acana mette i legumi già a partire dal terzo posto della lista ingredienti (prima del fegato di pollo - ti faccio l'esempio della formulazione light & fit che ho a portata di mano - che per esempio è uno degli alimenti più ricchi di taurina in natura), mentre in Orjien i legumi sono confinati in fondo alla lista ingredienti. nei casi portati all'attenzione della FDA la maggioranza dei cani veniva alimentata con Acana, ci sono pochi casi segnalati alimentati con Orjien. una delle cose che ha fatto scattare il campanello di allarme per avviare l'inchiesta, oltre al fatto che tra i casi segnalati comparivano razze non geneticamente predisposte alla cardiomiopatia dilatativa, è il fatto che spesso venivano segnalati 2 casi appartenenti allo stesso proprietario.   L'indagine è in corso tutt'oggi, la FDA sospetta o che in queste formulazioni la maggior parte delle proteine derivi in realtà dai legumi e non dalla carne (e che quindi siano carenti di taurina) o che l'alta presenza di legumi incida sull'assorbimento della taurina. infine pare che i grain free abbiano una percentuale di metionina e cisteina (da cui  i cani sintetizzino la taurina) inferiore al minimo ritenuto necessario (0,6%). Allo stato la FDA raccomanda di evitare crocchette in cui i legumi compaiono entro i primi 10 ingredienti.
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: kaffa - 18 Settembre 2019, 18:37:38
Per chi fosse interessato, consiglio l'iscrizione  a questo gruppo facebook
Troverete (in inglese) molti file interessanti sugli studi sul problema DCM legato ai Grain Free, e quasi ogni giorno ci sono aggiornamenti
https://www.facebook.com/groups/TaurineDCM/learning_content/ (https://www.facebook.com/groups/TaurineDCM/learning_content/)

Inoltre ci sono anche questi:
https://www.facebook.com/taurineconcerns (https://www.facebook.com/taurineconcerns)
https://www.facebook.com/groups/2003337513268497/ (https://www.facebook.com/groups/2003337513268497/)
https://www.facebook.com/groups/524687168020622/ (https://www.facebook.com/groups/524687168020622/)

Questo è specifico per Golden retrievers
https://www.facebook.com/groups/1257656451030324/

e anche questo sito specifico con tante risposte e i link ad un botto di studi (sempre inglese)
http://taurinedcm.org/ (http://taurinedcm.org/)







Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: LaMaria - 19 Settembre 2019, 14:43:19
Grazie! Grazie!
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: MarcoEle - 24 Settembre 2019, 17:16:24
Per chi fosse interessato, consiglio l'iscrizione  a questo gruppo facebook
Troverete (in inglese) molti file interessanti sugli studi sul problema DCM legato ai Grain Free, e quasi ogni giorno ci sono aggiornamenti
https://www.facebook.com/groups/TaurineDCM/learning_content/ (https://www.facebook.com/groups/TaurineDCM/learning_content/)

Inoltre ci sono anche questi:
https://www.facebook.com/taurineconcerns (https://www.facebook.com/taurineconcerns)
https://www.facebook.com/groups/2003337513268497/ (https://www.facebook.com/groups/2003337513268497/)
https://www.facebook.com/groups/524687168020622/ (https://www.facebook.com/groups/524687168020622/)

Questo è specifico per Golden retrievers
https://www.facebook.com/groups/1257656451030324/

e anche questo sito specifico con tante risposte e i link ad un botto di studi (sempre inglese)
http://taurinedcm.org/ (http://taurinedcm.org/)

grazie mi sono iscritta
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: bitazz - 18 Febbraio 2020, 14:40:55
Ho trovato questa discussione e dagli articoli che ho letto non sempre c'è correlazione tra mancata integrazione di taurina o basso valore di taurina nelle analisi e DCM. Quindi occhio. Sfogliate i post introduttivi sul gruppo facebook. Quello che si dice è che la lista ingredienti conta fino ad un certo punto, la cosa più importante è capire come tutti gli ingredienti reagiscono tra loro.
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: M.Rosa&Renny - 18 Febbraio 2020, 15:31:35
Beh, Kaffa ha gia' spiegato esaustivamente tutto a riguardo. Con riferimento a parecchi articoli anche da fonti USA : lo fece gia' in tempi non  sospetti.
In ciccioli....cicciolissimi....la cosa preoccupante e' che su un campione considerevole di cani testato , l'incidenza e' risultata maggiore nei  cani alimentati con mangimi ChampionPetFoood ( Acana/Orijen). Interazione, grain free, mancanza di taurina....resta il fatto che QUELLE formulazioni han destato preoccupazione.
E...te lo dico da ex acanista convinto...purtroppo e' un dato di fatto. Oggettivo.
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: bitazz - 18 Febbraio 2020, 16:04:21
Esatto, questo per dire che spesso la lista degli ingredienti non basta a valutare un alimento, in generale. Sono iscritto al gruppo facebook ed è veramente devastante leggere le storie dei proprietari e dei loro cani affetti da cardiomiopatia, alcuni cambiando dieta e prendendo farmaci sono riusciti a sopravvivere, altri...
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: M.Rosa&Renny - 18 Febbraio 2020, 16:14:28
Io infatti ho cambiato la pappa a Kira dopo 4 anni, nonostante mi avesse dato risultati eccezionali sotto ogni punto di vista.
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: bitazz - 18 Febbraio 2020, 16:29:01
Capisco bene...speriamo che riescano presto a capire i nessi tra questa patologia e il regime alimentare.
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: Brina - 18 Febbraio 2020, 20:25:21
Anch'io davo Acana, poi qui sul forum ho letto di questo problema e ho cambiato anche se mi trovavo molto bene. Adesso ho provato Simpson ma si grattano un po' e gli occhietti a volte lacrimano. Non so se provare Farmina....
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: bitazz - 18 Febbraio 2020, 22:44:23
Queste sono le linee guida della WSAVA per la scelta del cibo, da come ero rimasto poche case produttrici soddisfano tutti i "requisiti", spero che le cose siano migliorate nel frattempo. Anche a me Farmina incuriosisce.

https://wsava.org/wp-content/uploads/2020/01/Selecting-the-Best-Food-for-your-Pet.pdf
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: franco.oscar - 23 Settembre 2020, 11:38:31
Mi allaccio anche io alla discussione.
Dopo 10 anni di grain free ho letto la possibile correlazione tra grainfree e cardiomiopatia, mentre sembra piú ''solida'' scientificamente la tesi della carenza di taurina sempre in relazione alla stessa malattia cardiaca.
Attualmente  sto somministrando le  Kudo adriatic fish ma ben presto passeró alla linea LG sempre di Kudo(penso le ''kudo lg turkey duck senior light'', visto che il ragazzino ha giá 10 anni, nonostante l'ottima forma fisica).
Attualmente come integratori prende solo ''Artikrill'' e tra poco lo sostituiró con ''Artikrill Dol'' per prevenzione o comunque un inizio di artrosi.

In che quantitá mi consigliate di integrare la Taurina?
Il veterinario mi ha detto che in presenza di cardiomiopatia dilatativa la dose consigliata per il peso del mio cane é di 2g al giorno, mentre per prevenirla basta meno della metá. a me sembrano valori comunque alti, anche se in realtá non ho elementi per giudicare, almeno in maniera oggettiva.

Chiedo consiglio a voi, che sicuramente ne sapete piú di me.
Per curiositá: qualcuno ha mai provato le sopracitate ''kudo lg turkey duck senior ligh''?
Buona giornata a tutti!
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: bitazz - 23 Settembre 2020, 15:47:48
Non sempre la "Diet-associated DCM", come viene chiamata in america, presuppone bassi livelli di taurina nel sangue, così si legge spesso sul famoso gruppo facebook, a cui ti consiglio di iscriverti. Io non so se farei un' integrazione preventiva...il vet appoggia questa scelta? Piuttosto farei esami e/o eco.
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: Tiziana - 23 Settembre 2020, 17:50:43
Non credo che si possa prevenire un problema cardiaco...e personalmente non somministrerei Taurina in questo caso, diverso se ci fossero già problemi al cuore e se la terapia è prescritta da un vet a livello mantenimento.
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: M.Rosa&Renny - 23 Settembre 2020, 17:53:10
Mi trovo d’accordo : a suo tempo mi informai per la medesima questione e l’assunzione a scopo preventivo di Taurina mi dissero era sconsigliata.
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: franco.oscar - 23 Settembre 2020, 18:11:23
Grazie per le risposte, non mi é chiara solo una cosa:
se nelle crocchette che attualmente mangia non é presente la taurina come additivo alimentare, come può non essere carente di tale sostanza? so che si trova comunque( non ho idea in quale percentuale) nella carne, nei pesci uova ecc, ma se basta la quantità che il cane assorbe da questi, perché in molte crocche viene aggiunto come additivo appunto?
Chiedo solo per fare chiarezza.
Ciao ciao!

Per Tiziana: non si puó prevenire un problema cardiaco é vero, ma se la carenza di taurina aumenta il rischio di contrarre una determinata malattia, se la assumo nelle giuste quantità diminuisco, di conseguenza, le possibilitá di contrarla no?
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: bitazz - 23 Settembre 2020, 19:57:21
Da quello che so il cane, a differenza del gatto, riesce a sintetizzare la taurina da altri amminoacidi. Credo sia per questo che molte aziende non integrano le proprie formule con taurina. C'è da dire che la DCM ha anche una forte componente genetica. Io fossi in te sentire con il vet e se avessi paura o volessi togliermi dubbi farei esami specifici piuttosto che integrare preventivamente...ma la scelta spetta a te. Ti lascio un vecchio articolo  della Dr. Freeman e ti copio incollo il punto n. 2:

Most dogs being diagnosed with DCM do not have low taurine levels. Some owners continue to feed a BEG diet but supplement taurine thinking that this will reduce their risk for heart disease.  In our hospital, we currently measure taurine in all dogs with DCM, but more than 90% of our patients with DCM in which taurine has been measured have normal levels (and the majority are eating BEG diets).  Yet some of these dogs with DCM and normal taurine levels improve when their diets are changed.  This suggests that there’s something else playing a role in most cases – either a deficiency of a different nutrient or even a toxicity that may be associated with BEG diets.  Giving taurine is unlikely to prevent DCM unless your dog has taurine deficiency.  And given the lack of quality control for dietary supplements, you can introduce new risks to your dog if you give a supplement without evidence that she needs it.
https://vetnutrition.tufts.edu/2018/11/dcm-update/

Io ne parlerei approfonditamente con il vet e mi farei consigliare da lui. Facci sapere

Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: franco.oscar - 24 Settembre 2020, 00:15:01
Grazie, gentilissimo!
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: bitazz - 24 Settembre 2020, 09:05:52
Di niente! Purtroppo si sa ancora troppo poco riguardo il collegamento tra alcuni grain free e dcm. Altro articolo che parla di golden retriever, e di livelli bassi di taurina, preso dal whole dog journal. Parlane con il tuo vet, ciao!

Certain breeds of dogs (or lines within breeds) are susceptible to DCM due to taurine insufficiency, where the amount of taurine (or its precursors, methionine and cysteine) in the diet is enough for most dogs, but not for them. These breeds include the American Cocker Spaniel, English Setter, Golden Retriever, Labrador Retriever, Newfoundland, and Saint Bernard. If your dog belongs to one of these breeds, then you should be more concerned about what you’re feeding than the average pet owner.
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: franco.oscar - 24 Settembre 2020, 17:19:50
Di niente! Purtroppo si sa ancora troppo poco riguardo il collegamento tra alcuni grain free e dcm. Altro articolo che parla di golden retriever, e di livelli bassi di taurina, preso dal whole dog journal. Parlane con il tuo vet, ciao!

Certain breeds of dogs (or lines within breeds) are susceptible to DCM due to taurine insufficiency, where the amount of taurine (or its precursors, methionine and cysteine) in the diet is enough for most dogs, but not for them. These breeds include the American Cocker Spaniel, English Setter, Golden Retriever, Labrador Retriever, Newfoundland, and Saint Bernard. If your dog belongs to one of these breeds, then you should be more concerned about what you’re feeding than the average pet owner.

Oggi sono andato a ritirare gli esami del sangue, tra l'altro perfetti(per fortuna) e parlando con il mio veterinario  mi ha detto che bisognerebbe analizzare per bene cosa mangia oppure fare l'esame specifico per vedere i valori presenti di taurina, lui peró una integrazione la farebbe.
Quindi visto che mangia grain-free, senza taurina come additivo alimentare e visti gli studi, anche se molti sono contrastanti tra di loro, penso proprio che una piccola  integrazione di  taurina gliela faró.
In compenso ha un probabile tumore ad un testicolo,non mi é sembrato molto preoccupato il veterinario, anzi, mi ha detto di monitorare la situazione, se cresce o si indurisce ancora di piú...
(https://i.ibb.co/jJ8ThPX/1.jpg) (https://ibb.co/jJ8ThPX)

(https://i.ibb.co/Kx2xzD5/2.jpg) (https://ibb.co/Kx2xzD5)

(https://i.ibb.co/cvk00rp/3.jpg) (https://ibb.co/cvk00rp)
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: kaffa - 24 Settembre 2020, 20:08:14
E' vero che "pare" che la DCM sia in alcuni casi collegata alla dieta...
E' anche vero che "pare" sia emerso che la cosa è fortemente collegata ad ALCUNI (importanti) produttori di mangimi, e che si tratta quasi esclusivamente di mangimi "Grain Free"...
Sembra anche che ci sia una correlazione tra livelli bassi di Taurina in quei mangimi, che correlati in qualche modo alla presenza di alcuni tipi di carboidrati "no grain" possano portare a questa patologia.
Alcuni produttori NON integravaVANO i loro mangimi di Taurina e altri amminoacidi perché dichiaravano che i livelli di questi erano sufficienti, per via della loro formulazione...
E' peraltro vero che gli stessi produttori, dopo gli studi che parlavano di questo problema, e il casino che ne è venuto vuori, hanno dichiarato che "hanno deciso di integrare i loro mangimi", non si capisce se per accontentare il mercato o se perché si cono convinti che era cosa dovuta...  ::)

Le integrazioni nei mangimi, sia di amminoacidi che di micro e macro elementi (minerali, vitamine, etc.) vengono in alcuni casi fatti "a muzzo" basandosi su quelle che sono "pratiche comuni", ed in altri casi vengono invece integrati in base alle analisi fatte sul mangime, per modificare le eventuali carenze.
Quindi, se il produttore è "serio", e utilizza delle formulazioni "serie", tenderà ad integrare tutto quello che è necessario e non quello che è inutile, basandosi sulle analisi del mangime "non integrato" effettuate DOPO il processo di estrusione/pelletozzazione/cottura, per integrare, ovvero aggiungere, quegli elementi non presenti negli ingredienti di partenza, o distrutti durante il processo di estrusione o di cottura.

Personalmente diffido sempre delle etichette che dichiarano "minerali" e "vitamine" senza specificare di che tipo e in quale quantitativo viene fatta l'integrazione. (es. Minerali e vitamine)
Così come apprezzo chi, oltre ad indicare il quantitativo e il tipo di integrazione, utilizza minerali in forma chelata , e vitamine il più possibile "naturali".

La "chelazione" e’ un processo che lega al minerale una sostanza assorbita facilmente a livello intestinale ( generalmente aminoacidi o zuccheri come gluconati, aspartati, picolinati e citrati ).
Questi fungono da mediatori nel favorire l’assorbimento del minerale attraverso trasportatori presenti nella membrana gastrointestinale, questi riconoscono il chelante e ne facilitano l’assorbimento. Nella scelta quindi di minerali importanti come calcio, potassio, magnesio, meglio scegliere integratori chelati
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: franco.oscar - 25 Settembre 2020, 01:33:52
E' vero che "pare" che la DCM sia in alcuni casi collegata alla dieta...
E' anche vero che "pare" sia emerso che la cosa è fortemente collegata ad ALCUNI (importanti) produttori di mangimi, e che si tratta quasi esclusivamente di mangimi "Grain Free"...
Sembra anche che ci sia una correlazione tra livelli bassi di Taurina in quei mangimi, che correlati in qualche modo alla presenza di alcuni tipi di carboidrati "no grain" possano portare a questa patologia.
Alcuni produttori NON integravaVANO i loro mangimi di Taurina e altri amminoacidi perché dichiaravano che i livelli di questi erano sufficienti, per via della loro formulazione...
E' peraltro vero che gli stessi produttori, dopo gli studi che parlavano di questo problema, e il casino che ne è venuto vuori, hanno dichiarato che "hanno deciso di integrare i loro mangimi", non si capisce se per accontentare il mercato o se perché si cono convinti che era cosa dovuta...  ::)

Le integrazioni nei mangimi, sia di amminoacidi che di micro e macro elementi (minerali, vitamine, etc.) vengono in alcuni casi fatti "a muzzo" basandosi su quelle che sono "pratiche comuni", ed in altri casi vengono invece integrati in base alle analisi fatte sul mangime, per modificare le eventuali carenze.
Quindi, se il produttore è "serio", e utilizza delle formulazioni "serie", tenderà ad integrare tutto quello che è necessario e non quello che è inutile, basandosi sulle analisi del mangime "non integrato" effettuate DOPO il processo di estrusione/pelletozzazione/cottura, per integrare, ovvero aggiungere, quegli elementi non presenti negli ingredienti di partenza, o distrutti durante il processo di estrusione o di cottura.

Personalmente diffido sempre delle etichette che dichiarano "minerali" e "vitamine" senza specificare di che tipo e in quale quantitativo viene fatta l'integrazione. (es. Minerali e vitamine)
Così come apprezzo chi, oltre ad indicare il quantitativo e il tipo di integrazione, utilizza minerali in forma chelata , e vitamine il più possibile "naturali".

La "chelazione" e’ un processo che lega al minerale una sostanza assorbita facilmente a livello intestinale ( generalmente aminoacidi o zuccheri come gluconati, aspartati, picolinati e citrati ).
Questi fungono da mediatori nel favorire l’assorbimento del minerale attraverso trasportatori presenti nella membrana gastrointestinale, questi riconoscono il chelante e ne facilitano l’assorbimento. Nella scelta quindi di minerali importanti come calcio, potassio, magnesio, meglio scegliere integratori chelati


Grazie per la risposta Kaffa.

le Kudo non integrano taurina, é anche vero peró che sono pressate a freddo e non contengono patate/patate dolci...quindi non so bene cosa fare la cosa giusta forse sarebbe continuare con le Kudo tot mesi, poi fare il test per vedere i valori di taurina presenti, infine valutare se serve integrare o meno.
Domani comunque vado nella sede di Olisticpet, dato che si trova a 10 minuti da casa mia, a prendere le ''crocche da vecchio'', sempre della Kudo.
Titolo: Re:Grain-free e cardiomiopatia dilatativa
Inserito da: kaffa - 25 Settembre 2020, 02:36:13
Purtroppo la questione non è così semplice...
Non si tratta solo di capire quanta Taurina c'è nel sangue, ma la cosa è decisamente più complessa e, in particolare per la razza del Golden retriever, è multifattoriale.

Il mio consiglio è di iscriversi al gruppo facebook
"Diet-Associated Dilated Cardiomyopathy (DCM) in Dogs (https://www.facebook.com/groups/TaurineDCM/)"
ed una volta che siete stati accettati, andare nella sezione FILE e scaricare o visionare i documenti che ci sono (tutti in inglese)


Qualcosa si trova anche in lingua italiana, ma poca roba
Ad Es: http://www.scienzintasca.it/il-ruolo-fondamentale-della-taurina-nella-salute-del-cane/ (http://www.scienzintasca.it/il-ruolo-fondamentale-della-taurina-nella-salute-del-cane/)
Che riporta un riassunto di quanto scritto nei documenti che ho segnalato, con diversi riferimenti bibliografici (in inglese)